Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Europa

Martin Schulz alla convention SPD, 7 dicembre 2017

Due giorni dopo le elezioni tedesche Emmanuel Macron ha fatto il celebre discorso alla Sorbona lanciando la sfida alla Germania e all’Europa per riavviare il processo di integrazione continentale con proposte precise in ambiti diversi: economia, difesa, ambiente. Tutte proposte per rilanciare l’idea di un’Europa che protegge i suoi cittadini. Dopo aver affossato per due volte il progetto europeo nei momenti importanti per la storia europea, nel 1954 bocciando la CED e nel 2005 votando no al referendum sul trattato costituzionale, per la prima volta la Francia ha rilanciato la palla al centro del campo di gioco dell’UE lasciando la Germania in una fase di stallo.

Conferenza CPMR 2017

A lungo, PAC (Politica agricola comune) e Politica regionale hanno assorbito, da sole, gran parte del bilancio Ue.

Ma, oramai da anni, per tener conto di altre esigenze e politiche (ad esempio lotta ai cambiamenti climatici, ecc.) questa situazione è stata gradualmente corretta. Tra l'altro, come noto, in Italia, la mancata spesa di risorse dei Fondi strutturali - al nostro Paese assegnate - ha generato restituzioni di ingenti risorse all'Ue: in Spagna e in Portogallo, ci sono infrastrutture realizzate con denaro stornato dall'Italia per mancata spesa, con tanto di targa che lo ricorda!

Volantino del convegno

Meeting del Basic Income Network – Italia

Venerdì 10 novembre – Roma

ore 11-13.30, in Aula Verra, Facoltà di Lettere e Filosofia (piano terra)

Università Roma Tre, via Ostiense 234 – Ostiense, Roma

ore 17.30-20.00, presso Moby Dick – Biblioteca Hub culturale

Via Edgardo Ferrati, 3 – Garbatella, Roma

pagina Web

evento Facebook 

 

Venerdì 10 novembre 2017 l'associazione italiana per il reddito di base Basic Income Network – Italia organizza una giornata-evento di discussione in favore del reddito di base, che vedrà la partecipazione, tra gli altri, anche del filosofo ed economista belga Philippe Van Parijs (Bruxelles, 1951), presidente della rete mondiale BIEN (Basic Income Earth Network), sostenitore dell'introduzione di un reddito di base e Autore, insieme con Yannick Vanderborght, di un volume in uscita in questi giorni in Italia: Il reddito di base (Il Mulino).

Immagine dell'ufficio del dibattito di Firenze

“Adoro la mia patria perché adoro la Patria;
la nostra libertà, perch’io credo nella Libertà;
i nostri diritti, perché credo nel Diritto”


(*) Richiamo la vostra attenzione su due frasi.
La prima: l’organizzazione degli Stati Uniti d’Europa costituisce la premessa indispensabile per l’eliminazione del militarismo imperialista.
La seconda: un’Europa libera e unita è premessa necessaria del potenziamento della civiltà moderna di cui l’era totalitaria rappresenta un arresto.
La prima frase è, nella sostanza, rintracciabile nel saggio di Spinelli Gli Stati Uniti d’Europa e le varie tendenze politiche, mentre la seconda è tratta dal Manifesto di Ventotene.
Coniugando queste due frasi si può giungere ad una contraddizione, ad una contrapposizione che possiamo così ridurre: da una parte il binomio Stati Uniti d’Europa-Civiltà dall’altra Militarismo e Totalitarismo. Nel mezzo, come strumento di risoluzione del contrasto, la “Pace”, che possiamo considerare non il fine ultimo ma il presupposto per la realizzazione – per dirla con Bobbio – di altri fini, quali la libertà, la giustizia sociale, lo sviluppo economico, e via discorrendo.

Riunione del Consiglio Europeo (licenza CC, flickr)

Proficuo quest’ultimo Consiglio sull’ambiente, tenutosi il 13 ottobre 2017,  in sede  Ue. I ministri dei Paesi membri dell’Unione europea  hanno preso importanti  decisioni con implicazioni per i settori  che non rientrano nell’ambito di applicazione del Sistema di scambio di quote di emissione (ETS) di gas climalteranti; sull’Accordo di Parigi e la prossima COP 23; e sulle priorità Ue all’Assemblea ONU per  l’ambiente. Mi ci soffermo qui di seguito punto per punto, dopo una breve rievocazione dell'Accordo di Parigi.

L'ACCORDO DI PARIGI

La lotta al cambiamento climatico ha assunto importanza a partire dagli anni ’70, parallelamente al crescente consenso  (all’interno della comunità scientifica) sulla correlazione tra l’aumento delle emissioni di gas serra e il surriscaldamento del pianeta. 

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

Solidarietà Europa.  Save lives. Change Dublin.

ADERISCI ALLA MOBILITAZIONE PER IL 27 GIUGNO 2018.

Chiediamo ai Governi europei di condividere le responsabilità sull’accoglienza, cambiare il Regolamento di Dublino e aprire vie legali e sicure d’accesso.

www.europeansolidarity.eu

MobilitAzioni

 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner appello per un'Europa federale

 

Europa in onda

Europa in onda