Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Europa

Nella foto la Presidente Grabar-Kitarovic del partito HDZ la cui coalizione ha ottenuto la maggioranza relativa nelle elezioni del 8 novembre 2015

di Piergiorgio Grossi*

Si sono svolte l’8 novembre le elezioni parlamentari in Croazia. Questi i risultati:

Seggi totali: 151 (maggioranza: 76)
Patriotic Coalition (HDZ) cattolici conservatori (PPE) 63 39.1% 
Croatia is Growing socialdemocratici (S&D) 52 37.1%
Most indipendenti contro la classe politica 19 12.6%
Istrian Democrats & allies partito istriano (ALDE) 3 2.0%
Bandić 365 sinistra libertaria 2 1.3%
HDSSB partito regionale slavone 2 1.3%
Human Blockade 1 0.7%
Successful Croatia (ALDE) 1 0.7%
Minorities minoranze linguistiche 8 5.3%

Come già avvenuto nelle presidenziali del gennaio 2015, la coalizione di centro destra guidata dal partito HDZ, fondato dal primo presidente croato Franjo Tudjiman, e guidata oggi da Tomislav Karamarko, ha prevalso di stretta misura sulla coalizione guidata dai socialdemocratici del primo ministro uscente Zoran Milanovic.

di Salvatore Sinagra*

Di recente Guido Tabellini, ex rettore della Bocconi, ha scritto per il Sole24ore un articolo dal titolo il nemico dell’inflazione zero (1). L’economista esprime preoccupazioni e perplessità per l’inflazione troppo bassa, ritiene che per portare fuori l’Europa dal pantano della deflazione servano politiche monetarie assolutamente non convenzionali e coloro i quali, come Draghi, vorrebbero una svolta, potrebbero trovarsi le mani legate sia perché gli organi di vertice della BCE potrebbero spaccarsi su questioni politicamente controverse, sia perché importanti decisioni potrebbero trovare ostacoli politici fuori dalla BCE.

Il cancelliere della Germania Angela Merkel

di Marco Bascetta e Sandro Mezzadra*

È quantomeno dal 2010, quando la crisi globale ha colpito violentemente l’Europa nelle forme di una “crisi dei debiti sovrani”, che il processo di integrazione nel vecchio continente ha assunto una diversa temporalità e una diversa direzione. L’imposizione alla Grecia (ma anche ad altri Paesi, tra cui la Spagna, il Portogallo, l’Irlanda e per molti versi anche l’Italia) di dure politiche di austerità è sembrata segnare l’avvio di un’accelerazione sul terreno dell’ortodossia “ordoliberale”. Una nuova “Europa tedesca” cominciava a delinearsi, con un riallineamento delle stesse istituzioni comunitarie attorno alla centralità della Banca Centrale e un ulteriore svuotamento delle istanze “rappresentative”, a tutto vantaggio di quelle esecutive.

Foto di Bussalino, Repubblica

di Giulio Saputo *

Quando si affronta una tematica complessa come quella dell'immigrazione occorre farlo con cognizione di causa. Ogni giorno, attraverso proclami sui giornali ed in TV, gli sciacalli della politica marciano in modo spaventoso sulla xenofobia e sulla paura del «diverso». Ci troviamo a cercare di analizzare una realtà molto spesso distorta e strumentalizzata per meri fini elettorali da una propaganda priva di un fondamento concreto. Quel che è certo è che abbiamo davanti ai nostri occhi una catastrofe umanitaria rappresentata non solo dalle migliaia di morti in mare nel tentativo di attraversare il Mediterraneo (quasi 3500 nel solo 2015 secondo i dati Oim) o su altri percorsi in condizioni ugualmente estreme, ma anche dal tracollo della solidarietà e del rispetto dei diritti umani dentro e fuori i confini dell'Europa.

Le versioni della Costituzione Europea, 2004

Pubblichiamo le conclusioni dell’Assemblea del Movimento Europeo - Italia “Cambiare rotta in Europa” tenutasi a Roma il 29 ottobre 2015 di cui condividiamo l'affermazione che "per la prima volta è stata posta la questione del carattere reversibile del processo integrazione" e il passaggio in cui si sottolinea che "occorre una urgente e forte ripresa del dibattito sul futuro dell’Unione che deve impegnare il mondo della politica, dell’economia e del lavoro, la cultura, la società civile e, soprattutto, le giovani generazioni. La suggestione di un salto verso gli Stati Uniti d’Europa apparirà evanescente se essa non sarà preceduta da una decisa azione popolare e da una “operazione verità” volta a recuperare la grande maggioranza del consenso dei cittadini europei".

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

  

 

europea - parlano i fatti 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

 

neawdealbee

 

 

Europa in onda

Europa in onda