Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Europa

Gfe Firenze, #AllWeNeedIsMoreEU action

di Giulio Saputo

Un momento storico

Come forse saprete, anche se purtroppo molto spesso queste notizie non hanno l'ampia risonanza mediatica che meriterebbero, lo scorso 14 settembre a Roma è stato firmato un importante documento a favore degli Stati Uniti d'Europa da parte dei Presidenti dei Parlamenti nazionali italiano, francese, tedesco e lussemburghese. 

Pier Virgilio Dastoli
di Nicola Vallinoto
 
Abbiamo appena ricevuto la dichiarazione di Pier Virgilio Dastoli, Presidente del Consiglio Italiano del Movimento europeo, con la richiesta di dimissioni collettive della Commissione europea in seguito al rigetto delle proposte Juncker da parte del Consiglio europeo dei Ministri degli interni appena conclusosi. Quali sono state le decisioni dei 28 governi per affrontare il problema di profughi e migranti? Quale il fronte dei paesi che si sono rifiutati di accettare le proposte seppure modeste della Commissione europea ?
 

La marcia delle donne e degli uomini scalzi - Genova (foto di Bussalino Repubblica.it)

di Guido Viale

Lo sgambetto con cui la cronista ungherese Petra Laszlo ha buttato a terra un profugo siriano che portava il proprio figlio in salvo da una guerra mai dichiarata è un'immagine plastica dell'odierna Unione Europea e richiama alla mente la brutalità con cui i suoi organi hanno cercato di interrompere la corsa di Tsipras e del suo governo per portare in salvo il popolo greco da un disastro di cui non portavano alcuna responsabilità.

Laura Boldrini

di Mario Leone*

I Presidenti delle assemblee nazionali di Italia, Francia, Germania e Lussemburgo, firmano un impegno per un’Unione federale di Stati.

Lunedì 14 Settembre 2015 a Palazzo Montecitorio, a Roma, nella Sala della Regina si è tenuta la Cerimonia della firma per una dichiarazione comune “Impegno per un’Unione federale di Stati” della Presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, del Presidente del Bundestag tedesco Norbert Lammert, del Presidente dell’Assemblée nationale francese Claude Bartolone e del Presidente della Chambre des Députés lussemburghese Mars Di Bartolomeo.

Jean Claude Juncker

di Mario Leone

Uno degli strumenti principali per riconquistare alla causa della costruzione della federazione europea il consenso dell'opinione pubblica consiste nel puntare sul rilancio dello sviluppo sostenibile e nella riduzione significativa dell'iniquità socio-economica a livello europeo.  Questo monito è ancora oggi vivo. Ed è nel cosiddetto Piano Juncker, presidente della Commissione UE, che lo sviluppo può trovare la soluzione.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

  

 

europea - parlano i fatti 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

 

neawdealbee

 

 

Europa in onda

Europa in onda