Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Giuseppe Conte e Antonio Tajani

Gli insulti a Conte indeboliscono l'Italia, ma...

Se un leader politico di un altro paese europeo attacca il presidente del consiglio italiano insulta tutti gli italiani o almeno i milioni di italiani che con il loro voto hanno fatto nascere il...

Read more

La plenaria della COP 24

La Conferenza ONU sul clima (COP 24) si è...

La COP 24 per il contrasto ai Cambiamenti Climatici (3-14 dicembre 2018) – che si è tenuta, in Polonia, a Katawice - ha coinvolto 200 Paesi con l’obiettivo di dare efficace...

Read more

Marcia per l'Europa, Roma 25 marzo 2017

Ecco come riappropriarci dell’Europa come Patria...

di Romano Prodi (*) Esibiamo la bandiera europea il 21 marzo C’è molto in gioco nelle prossime elezioni europee, alle quali troppi cittadini si avvicinano con un senso di smarrimento...

Read more

industria 4.0

La digitalizzazione del lavoro: Industria 4.0

SU COSA MI SOFFERMERO' - Internet, la grande disponibilità di dati, e la connessione tra computer e sensori, digitalizzazione e industria (impresa) 4.0 hanno dato inizio a una grande...

Read more

CIME: Tavola rotonda "Ci eravamo tanto amati...

Questa volta, l'Assemblea-Congresso del Consiglio italiano del movimento europeo (CIME) è stata proceduta da una tavola rotonda. Di cosa si è parlato, nell'una e nell'altra? E cosa si...

Read more

Antonio Megalizzi

Chi ha paura di Antonio Megalizzi?

Certo, Antonio non è morto a causa delle sue idee europeiste poiché il suo assassino non le conosceva.  Non di meno Antonio è morto perché si trovava a Strasburgo...

Read more

#ClimateAlarm

Siamo ancora in tempo per salvare il pianeta dai...

Sabato 8 dicembre si terrà la Marcia mondiale per il clima con eventi organizzati in tante città del pianeta. L’iniziativa è stata promossa dalla rete francese "Il est...

Read more

Logo dell'appello a twitter

Appello "Perché Twitter censura chi parla di...

Dopo una settimana di attesa siamo tornati. Il nostro profilo twitter è stato riattivato il 19 ottobre. Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto firmando l'appello "Perché...

Read more

Infografica su Katharina Schulze

Cambia il vento in Europa e soffia in direzione...

Il vento cambia in Baviera, in Belgio e nel Lussemburgo ma il vento non soffia nella direzione che avrebbero voluto Salvini e Di Maio. In un voto nazionale (Lussemburgo), regionale (Baviera) e...

Read more

Io sto con Riace

Da Riace cambia il vento

del Comitato io sto con Riace "La criminalizzazione dell’esperienza di Riace e l’assurdo arresto di Mimmo Lucano sono stati il detonatore che ha fatto esplodere l’ansia di...

Read more

EDITORIALE - A chi da fastidio parlare di Stati...

"Europa in Movimento" è un blog animato da un gruppo di federalisti europei.  Ha iniziato la sua attività il 27 agosto del 2015 e, oltre al sito www.europainmovimento.eu, ha...

Read more

La delegazione della Gfe di Genova consegna la lettera alla Commissione

Lettera della GFE Genova a Violeta Bulc,...

Gentile Commissaria Bulc(*), Siamo lieti di darLe il benvenuto a Genova.La ringraziamo per aver deciso spontaneamente di visitare la nostra amata e ferita città, di incontrare le...

Read more

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Front_National_2010-05-01_n04.jpg

di Roberto Castaldi *

Al primo turno delle elezioni amministrative in Francia il Fronte Nazionale di Marine Le Pen è risultato il primo partito. Probabilmente ciò non le sarà sufficiente a vincere le elezioni, perché al secondo turno è possibile che in molte regioni vi sarà una convergenza su altri candidati da parte di molti elettori assolutamente contrari al Fronte Nazionale. Si tratta di un risultato atteso, sebbene dopo gli attacchi terroristici a Parigi i sondaggi mostrassero un certo apprezzamento dei cittadini per la risposta del Presidente socialista Hollande.

di Guido Montani

L’Unione europea è sempre più divisa: si è divisa sulla gestione della crisi economica tra sostenitori dell’austerità e sostenitori di politiche inflazionistiche; si è divisa sulla crisi in Ucraina; si è divisa sulle politiche dell’immigrazione e dei rifugiati; si è divisa sulla risposta da dare agli attacchi terroristici a Parigi. Il Regno Unito minaccia si uscire se non otterrà soddisfazione alla sua domanda di “meno Europa”. Quale Unione sopravvivrà alla sua strutturale incapacità di auto-governarsi?

 

di Matteo Valtancoli

Non c'è timore maggiore della paura; se c’è una cosa che la storia ci insegna è che nei momenti di grande tensione nei sistemi democratici le scelte elettorali si radicalizzano.

Il più importante fenomeno che possiamo ricordare nella storia moderna è la salita al potere del nazismo nella Germania degli anni '30 vessata dei debiti di guerra con la Francia e aiutata dagli Stati Uniti fino alla crisi del ’29. Hitler alla fine degli anni ’20 era già arrivato al termine della sua storia politica e se non vi fosse stato il crollo economico del paese conseguente alla cessazione degli aiuti non sarebbe mai salito al potere; anche in quell’occasione la gente era impaurita, non dallo straniero, ma dalla difficoltà di mettere in insieme il pranzo con la cena.

di Paolo Acunzo

Il processo d'integrazione europeo per come l'abbiamo conosciuto fino ad oggi non pare piu in grado di rispondere efficacemente alle varie sollecitazioni in corso: Le questioni della sicurezza e quelle ambientali, la crisi economica o il fenomeno dell'immigrazione. Oggi l'Europa deve essere ripensato in profondità insieme allo stesso concetto di sovranità nazionale. In questo contesto si è in presenza di un altro fenomeno a cui bisogna prestare attenzione: quello dei movimenti indipendentisti che fanno dello sbocco diretto all'integrazione europea il naturale fine della loro azione.

Manifestazione a Parigi nel 2007 - Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Fronte_Nazionale_(Francia)#/media/File:Le_Pen_Paris_2007_05_01_n2_(cropped).jpg

di Franco Praussello 

Tutti sanno che se Marine Le Pen dovesse vincere le elezioni presidenziali del 2017, l’Europa come l’abbiamo conosciuta in oltre sessant’anni di integrazione riceverebbe un colpo mortale. L’uscita della Francia dalla zona euro e il ritorno alla piena sovranità nazionale darebbe il colpo di grazia alla lunga avventura comunitaria e l’orologio della storia in Europa ritornerebbe indietro agli anni Trenta del secolo scorso.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

 
banner campagna

europea - parlano i fatti

 

 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

 

neawdealbee

banner appello per un'Europa federale

 

Europa in onda

Europa in onda