Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

MobilitAzioni

Marcia per l'Europa, Roma 25 marzo 2017

di Romano Prodi (*)

Esibiamo la bandiera europea il 21 marzo

C’è molto in gioco nelle prossime elezioni europee, alle quali troppi cittadini si avvicinano con un senso di smarrimento e di frustrazione, dimenticando la nostra storia e, insieme ad essa, i contributi che, se camminiamo insieme, possiamo dare per affrontare i problemi di oggi e per riaccendere le speranze per il domani del nostro pianeta così affaticato.

#ClimateAlarm

Sabato 8 dicembre si terrà la Marcia mondiale per il clima con eventi organizzati in tante città del pianeta. L’iniziativa è stata promossa dalla rete francese "Il est encore temps" e segue altre due marce tenutesi l’8 settembre e il 13 ottobre scorsi, che hanno visto una grande partecipazione. In questi giorni si svolge a Katowice, in Polonia, il vertice internazionale sui cambiamenti climatici (COP 24). Il vertice serve a verificare lo stato di attuazione degli accordi di Parigi del dicembre 2015 (COP 21), in cui 195 stati si impegnarono a tenere la temperatura globale ben al di sotto dei due gradi centigradi sopra il livello raggiunto nell’era pre-industriale. 

Logo dell'appello a twitter

Dopo una settimana di attesa siamo tornati. Il nostro profilo twitter è stato riattivato il 19 ottobre.

Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto firmando l'appello "Perché Twitter censura chi parla di Stati Uniti d'Europa?" e in particolare a Monica Tiberi per il suo interessamento che ha sbloccato la situazione.

La raccolta firme è quindi sospesa perché abbiamo centrato l'obiettivo che ci eravamo prefissi con l'appello.


Chiediamo a Twitter di annullare la sospensione del profilo del blog Europa in movimento (@euromovimento) avvenuta senza alcun preavviso venerdì 12 ottobre.

Appello ai deputati europei

Domani il Parlamento Europeo vota sulle sanzioni all’Ungheria di Orban per le violazioni ai diritti umani e democratici.

La societa’ civile democratica ungherese chiede ai parlamentari di votare si’.

Qui sotto l’appello in italiano.

Uniti si vince per l'Ungheria e per l'Unione europea

VOTA SI il 12 settembre per l'azione del Parlamento europeo sull'Ungheria

Il 12 Settembre i deputati del Parlamento Europeo saranno di fronte ad una decisione: difendere i valori europei o abbandonarli.

- Obiettivo:
Creare una rete di informazione sull'Europa per smontare la retorica anti-europeista e nazionalista e per replicare puntualmente alle fake news sull'Europa fatte circolare ad arte sia direttamente dai protagonisti politici sia dai profili social creati ad hoc per disseminare informazioni false.

- Promotori:
La campagna(*) è promossa da Europa in movimento in collaborazione con il Movimento Europeo, che mette a disposizione le sue note informative elaborate da una rete di esperti e docenti a livello nazionale ed europeo.

- Modalità:
E' stato attivato un gruppo di lavoro che monitora la rete in modo da rispondere prontamente alle fake news sull'Europa con infografiche da diffondere sui profili social e con repliche ai direttti interessati.

Le infografiche sono suddivise in 4 categorie: "fake news", "ipse dixit", "forse non tutti sanno che" e "titoli ingannevoli".

- Contatti:
Chi è interessato a partecipare e contribuire può contattarci all'email: info@europainmovimento.

- Profili social della campagna:
Facebook | Twitter | Instagram

- L'album delle infografiche su twitter:  e su facebook .

 

(*) Il Circolo Arci Il Contatto di Sondrio ha aderito alla campagna (3.09.2018).

Sottocategorie

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

  

 

europea - parlano i fatti 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

 

neawdealbee

 

 

Europa in onda

Europa in onda