Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

MobilitAzioni

Genova, Flashmob per una Europa senza frontiere, #DontTouchMySchengen

Nei giorni scorsi un articolo pubblicato da Michele Ballerin, vicesegretario del Movimento Federalista Europeo, sul “Courrier International” ha registrato un successo di pubblico eccezionale, superando in poco tempo 15.000 gradimenti e condivisioni sulla pagina Facebook del giornale, e scatenando un acceso dibattito soprattutto fra i giovani francesi della “generazione Erasmus".

 

L’articolo - un vero appello alla mobilitazione rivolto alle generazioni di europei più giovani - era apparso originariamente sull’Espresso. L’autore identifica la generazione Erasmus come il soggetto sociale che più avrebbe da perdere se l’Europa rinunciasse alla conquista della libera circolazione delle persone e, così facendo, gettasse alle ortiche sessant’anni di integrazione europea. Segue l’invito a ribellarsi alla miope condotta dei governi nazionali e a rivendicare, da protagonisti, il proprio futuro in Europa, rilanciando il processo della sua unificazione politica.

Manifestazione al Brennero del 20 febbraio (foto pagina fb PD Trentino)

Sabato 20 febbraio 2016.

Si parte in treno, pullman, auto e con ogni altro mezzo verso il passo del Brennero, confine Italia-Austria, dove si terrà questa catena umana per dire NO al ripristino dei controlli alle frontiere e quindi perdere di fatto tutte le fondamentali libertà di circolazione e commercio conquistate in passato. Bandiere, trombe e sassofoni, mani intrecciate.

Presidio a Genova per la Polonia, 9 febbraio 2016

"Per la vostra e la nostra libertà" è un motto capace di riassumere la lunga storia di amicizia tra i popoli d'Italia e di Polonia. Con questo motto, negli ultimi secoli, molte persone hanno dato la vita per la libertà delle due nazioni, non ultimo il garibaldino Francesco Nullo che, dopo la spedizione dei Mille è andato a combattere in terra polacca ove è morto e che ora, dai polacchi, è considerato un eroe nazionale.

Ora che la Polonia, dopo 25 anni di libertà, ha di fatto attraversato tutto l'arco costituzionale e, dopo un regime comunista, si appresta ad affrontare una deriva autoritaria di estrema destra, questo motto, però, è anche un monito che ricorda a tutti come ciò che accade in Polonia potrebbe, persto o tardi, accadere anche da noi.

Per la pace, lo sviluppo sostenibile, la piena occupazione, per fermare insieme la febbre del Pianeta e per la democrazia nel Mediterraneo

Nella settimana dal 10 al 17 febbraio 2016 si è tenuta una settimana di mobilitazione nell'ambito della campagna per la federazione europea. La sezione forlivese del MFE ha diffuso il volantino a colori dell'action week "Per salvare lo spazio europeo senza frontiere pace, sviluppo sostenibile e democrazia nel Mediterraneo" ai circa 150 partecipanti che, nelle giornate di sabato 13 e di domenica 14 febbraio, hanno partecipato al seminario di EUdem sul tema: “Costruiamo la community europea del PD - La proposta di un percorso di europeizzazione del Partito Democratico“. La prima sessione del seminario è stata aperta da una relazione di Sandro Gozi, Sottosegretario agli Affari Europei, sul tema: “Il Partito Democratico nel nuovo spazio politico europeo – Come europeizzare il PD e come contribuire alla creazione di una nuova cultura europea in Italia. – Come creare una sfera pubblica europea e come trasformare il PSE in un vero Partito federale e federalista".

Prime adesioni al flashmob al Congresso Aiccre Liguria

Pubblichiamo l'Invito al flashmob "Per un'Europa senza frontiere" promosso dal MFE e dalla GFE di Genova, mercoledì 17 febbraio.

Tra pochi giorni si terrà l’ennesima riunione del Consiglio europeo. Giovedì 18 e venerdì 19 febbraio, infatti, a Bruxelles i capi di Stato e di Governo dei 28 paesi dell’UE dovranno dare risposte riguardanti alcuni temi cogenti come il Brexit, ovvero il compromesso richiesto dal Primo ministro inglese Cameron in vista del referendum sulla permanenza nell'Unione, la questione profughi e migranti, il cui flusso continuerà anche quest’anno con lo stesso ordine di grandezza del 2015, e gli accordi di Schengen, per i quali giace sul tavolo la richiesta di sospensione per due anni.

Per scongiurare la fine anticipata degli accordi di Schengen e, di fatto, anche del processo di integrazione europeo occorre una forte mobilitazione e spinta dal basso: da parte di quella società civile europea e del mondo politico che non si arrende a un arretramento pericoloso del progetto di unificazione del continente europeo e che vuole, altresì, promuovere un'altra idea di Europa tornando ai principi fondativi di una Europa libera e unita indicati nel Manifesto di Ventotene.

Sottocategorie

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

Ventotene, Lunedì 4 settembre, ore 21.30, Piazza Castello. Presentazione del libro "La mia solitaria fierezza. Altiero Spinelli: le carte del confino di Ponza e Ventotene dell'Archivio di Stato di Latina". Con Dario Petti, Marilena Giovannielli, Giorgio Anselmi, Federico Brunelli e Mario Leone curatore del libro.

MobilitAzioni

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner iniziativa GFE Don't Touch My Schengen

Petizione All Free Move

 

Europa in onda

Europa in onda

Rss

feed-image rss