Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

MobilitAzioni

azione paneuropea #DontTouchMySchengen

L'invito al presidio di Piazza Montecitorio a Roma di mercoledì 17 febbraio 2016 dalle 15:45 alle 19:00

 

Cara/o Cittadina/o Europea/o,

A metà febbraio, i rappresentanti dei Governi europei si riuniranno a Bruxelles per decidere alcune questioni cruciali sul futuro dell'Unione Europea.

Il Consiglio Europeo del 18 e 19 Febbraio vedrà - infatti - i Capi di Stato e di Governo dei 28 Paesi dell'Ue esprimere una posizione sui negoziati con il Regno Unito - in vista del referendum sulla cosiddetta ‘Brexit’ - e decidere se procedere alla sospensione biennale degli Accordi di Schengen, sancendone - di fatto - la morte.

Il blog Europa in movimento aderisce all'appello europeo per il 18 dicembre e invita a partecipare con iniziative nelle proprie città. 
 
Allo slogan dell'appello europeo #STATE OF SOLIDARITY aggiungiamo il nostro: #STATI UNITI D'EUROPA
 
A seguire l'invito alla mobilitazione europea e il testo dell'appello fatto circolare da Raffaella Bolini (Arci). 
 
 

Marcia per il clima Roma 29 novembre 2015

Nel weekend che ha preceduto l'inizio della XXI conferenza delle parti dell'UNFCC (la convenzione quadro delle nazioni unite sui cambiamenti climatici) di Parigi sabato 28 e domenica 29 novembre si sono tenute centinaia di manifestazioni in oltre 150 paesi (globalclimatemarch.org) per chiedere ai governi un accordo equo, ambizioso e vincolante per un mondo alimentato al 100% da energia rinnovabile entro il 2050.

Dopo i tragici attentati, il governo francese ha cancellato la manifestazione nella propria capitale, ma si è marciato a San Paolo, Nuova Delhi, Kampala, Città del Capo, Melbourne, Ottawa, Tokyo, Sydney, Madrid e Roma per citare solo alcuni degli appuntamenti globali.

In Italia i federalisti hanno partecipato con le proprie proposte in diverse città italiane.

Foto di Sara Prestianni

di Raffaella Bolini *

Dopo Parigi, l’Europa blinda le frontiere. I volontari della rotta balcanica dei migranti invece propongono una giornata europea di azione il 18 dicembre per «aprire le porte». Una mobilitazione unitaria per dimostrare che c’è un modo diverso per sconfiggere la paura: togliere muri e barriere.

New Deal for Europe

 

Noi cittadini europei

rileviamo che

l'unificazione europea ha assicurato per oltre mezzo secolo, un benessere senza precedenti, il consolidamento della democrazia e ha rappresentato la pace, o un modello per l'intero pianeta;
tuttavia, a seguito della crisi finanziaria ed economica globale, è cresciuta la disaffezione popolare nei confronti del progetto europeo;
il distacco dei popoli dalle istituzioni europee dipende principalmente dalle politiche di austerità senza sviluppo, senza consenso democratico e senza equità e dalla incapacità dell'Unione europea di parlare con una sola voce nel mondo e di fare fronte ai drammatici problemi della sicurezza interna e internazionale;
la ripresa della costruzione dell'unità europea presuppone la riconquista del consenso popolare al progetto europeo;

Sottocategorie

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

Ventotene, Lunedì 4 settembre, ore 21.30, Piazza Castello. Presentazione del libro "La mia solitaria fierezza. Altiero Spinelli: le carte del confino di Ponza e Ventotene dell'Archivio di Stato di Latina". Con Dario Petti, Marilena Giovannielli, Giorgio Anselmi, Federico Brunelli e Mario Leone curatore del libro.

MobilitAzioni

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner iniziativa GFE Don't Touch My Schengen

Petizione All Free Move

 

Europa in onda

Europa in onda

Rss

feed-image rss