Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Fermiamo la febbre del pianeta

di Lamberto Zanetti

La COP 21 di Parigi sul clima è come ben sapete un appuntamento importantissimo, forse l’ultimo, che la classe politica mondiale ha a disposizione per cercare di attenuare e mitigare i cambiamenti climatici e il conseguente surriscaldamento del Pianeta dovuto all’attività dell’uomo.

Occorre quindi ridurre drasticamente a livello planetario le emissioni di CO2 nell’atmosfera in maniera drastica e radicale, ponendo fine all’era Carbon con il relativo consumo di petrolio, di carbone e di tutti gli altri gas serra climalteranti.

A partire quindi dalla COP 21 di Parigi che si apre lunedì prossimo 30 novembre a Parigi occorre affidare la stabilizzazione del clima a istituzioni Internazionali adeguate al carattere globale della sfida climatica, che va affrontata assieme da tutti i principali paesi inquinatori, partendo da un primo accordo di principio da adottarsi a Parigi o nei mesi immediatamente successivi, finalizzato a costituire la premessa di un atto di grande rilievo politico di risonanza mondiale, attraverso la costituzione di un’Organizzazione Mondiale per l’Ambiente, dotata di reali poteri, gestita da un’Alta Autorità indipendente e che disponga di adeguate risorse finanziarie proprie, derivanti da una Carbon Tax Mondiale.

Detta Organizzazione Mondiale costituirà lo strumento per gestire insieme le emergenze ambientali globali, per incoraggiare i Paesi in via di Sviluppo a condividere la diminuzione di emissioni di Carbonio CO2 e i Paesi sviluppati ad aiutarli, fornendo loro una considerevole quota di sostegno finanziario e tecnologico. Il modello di Istituzione proposto è quello della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (CECA) nel processo di unificazione europea.

L’Organizzazione Mondiale per l’Ambiente (OMA) sarebbe la prima delle Comunità Mondiali e come la CECA dovrebbe essere affiancata da un’Assemblea Parlamentare che potrebbe costituire l’embrione del primo Parlamento Mondiale.

La battaglia come ben capite non è di poco conto. Sta a noi decidere se combatterla o meno. Sta a noi decidere se domenica alle marce per il cilma saremo in tanti o in pochi.

I grandi cambiamenti nella storia spesso sono nati anche da piccoli gruppi di persone che hanno saputo indicare quale era il cammino e la strada da percorrere.

E comunque, come amava ripetere Altiero Spinelli, deve essere percorsa e lo sarà.

 

 

- Approfondimenti:

Petizione "Fermiamo la febbre del pianeta"

http://europainmovimento.eu/mobilitazioni/cop-21-conferenza-dell-onu-sul-clima-di-parigi-fermiamo-insieme-la-febbre-del-pianeta.html

La Global Climate March a Roma

http://www.coalizioneclima.it/

 

Autore
Lamberto Zanetti
Author: Lamberto Zanetti
Bio
Membro della direzione nazionale del Movimento Federalista Europeo e presidente dell'Istituto di Studi sul federalismo e l'unità europea Paride Baccarini
Altri articoli dello stesso autore:

XXVIII Congresso del MFE - Latina 28-29-30 aprile 2017

Scarica le tesi precongressuali del XXVIII Congresso nazionale Movimento Federalista Europeo Latina, 28-29-30 aprile 2017

Verso un'Unione federale del popolo europeo, con il popolo europeo, per il popolo europeo. Per la pace, lo sviluppo, la giustizia sociale

 

 

 

Firma l'appello!

firma l'appello Senza una politica migratoria umana ed un'Europa federale non c'è futuro

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner iniziativa GFE Don't Touch My Schengen

Petizione All Free Move

 

Europa in onda

Europa in onda