Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Fermiamo la febbre del pianeta

di Lamberto Zanetti

La COP 21 di Parigi sul clima è come ben sapete un appuntamento importantissimo, forse l’ultimo, che la classe politica mondiale ha a disposizione per cercare di attenuare e mitigare i cambiamenti climatici e il conseguente surriscaldamento del Pianeta dovuto all’attività dell’uomo.

Occorre quindi ridurre drasticamente a livello planetario le emissioni di CO2 nell’atmosfera in maniera drastica e radicale, ponendo fine all’era Carbon con il relativo consumo di petrolio, di carbone e di tutti gli altri gas serra climalteranti.

A partire quindi dalla COP 21 di Parigi che si apre lunedì prossimo 30 novembre a Parigi occorre affidare la stabilizzazione del clima a istituzioni Internazionali adeguate al carattere globale della sfida climatica, che va affrontata assieme da tutti i principali paesi inquinatori, partendo da un primo accordo di principio da adottarsi a Parigi o nei mesi immediatamente successivi, finalizzato a costituire la premessa di un atto di grande rilievo politico di risonanza mondiale, attraverso la costituzione di un’Organizzazione Mondiale per l’Ambiente, dotata di reali poteri, gestita da un’Alta Autorità indipendente e che disponga di adeguate risorse finanziarie proprie, derivanti da una Carbon Tax Mondiale.

Detta Organizzazione Mondiale costituirà lo strumento per gestire insieme le emergenze ambientali globali, per incoraggiare i Paesi in via di Sviluppo a condividere la diminuzione di emissioni di Carbonio CO2 e i Paesi sviluppati ad aiutarli, fornendo loro una considerevole quota di sostegno finanziario e tecnologico. Il modello di Istituzione proposto è quello della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (CECA) nel processo di unificazione europea.

L’Organizzazione Mondiale per l’Ambiente (OMA) sarebbe la prima delle Comunità Mondiali e come la CECA dovrebbe essere affiancata da un’Assemblea Parlamentare che potrebbe costituire l’embrione del primo Parlamento Mondiale.

La battaglia come ben capite non è di poco conto. Sta a noi decidere se combatterla o meno. Sta a noi decidere se domenica alle marce per il cilma saremo in tanti o in pochi.

I grandi cambiamenti nella storia spesso sono nati anche da piccoli gruppi di persone che hanno saputo indicare quale era il cammino e la strada da percorrere.

E comunque, come amava ripetere Altiero Spinelli, deve essere percorsa e lo sarà.

 

 

- Approfondimenti:

Petizione "Fermiamo la febbre del pianeta"

http://europainmovimento.eu/mobilitazioni/cop-21-conferenza-dell-onu-sul-clima-di-parigi-fermiamo-insieme-la-febbre-del-pianeta.html

La Global Climate March a Roma

http://www.coalizioneclima.it/

 

Autore
Lamberto Zanetti
Author: Lamberto Zanetti
Bio
Membro della direzione nazionale del Movimento Federalista Europeo e presidente dell'Istituto di Studi sul federalismo e l'unità europea Paride Baccarini
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

Ventotene, Lunedì 4 settembre, ore 21.30, Piazza Castello. Presentazione del libro "La mia solitaria fierezza. Altiero Spinelli: le carte del confino di Ponza e Ventotene dell'Archivio di Stato di Latina". Con Dario Petti, Marilena Giovannielli, Giorgio Anselmi, Federico Brunelli e Mario Leone curatore del libro.

MobilitAzioni

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner iniziativa GFE Don't Touch My Schengen

Petizione All Free Move

 

Europa in onda

Europa in onda