Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

EULink

EULink - European Civic Education - master e corsi

Il progetto EULink-European Civic Education, (https://research.unilink.it/eulink/https://euractiv.it/sections/eu-link/ - sito web: https://eulink.unilink.it/ - sezione articoli su...

Read more

Manifestazione a Bruxelles

La furia dei trattori e il capro espiatorio Europa

Di nuovo sul banco degli imputati e come al solito senza avvocato difensore. Parliamo dell’Unione europea e della rivolta dei trattori. Iniziamo col dire che gli agricoltori hanno tante buone...

Read more

Logo Europarlamento

Le elezioni orfane

Mai abbandonare la speranza, anche se a volte è davvero difficile. Come lo è l’assistere ad una campagna elettorale per il Parlamento europeo, in cui ci sia almeno un pugno di...

Read more

European ballet, Sečovce,  Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license.

Elezioni europee: la truffa delle candidature...

Ci risiamo. Mancano circa 5 mesi alle elezioni europee ed i vecchi vizi della classe politica italiana tornano puntuali a contaminare la campagna elettorale.   Dal 1979 - quando fu...

Read more

L'emiciclo del Parlamento europeo, Photo by DAVID ILIFF. License: CC BY-SA 3.0

Il silenzio di Mattarella sull’Europa

C’è stato un grande silenzio nel discorso(*) di fine anno del Presidente della Repubblica Mattarella(1). Un silenzio assordante che riguarda l’Europa. Non una parola sulle...

Read more

Marcia per la pace Perugia Assisi, 2001

Il federalismo mondiale è la chiave per...

Il federalismo mondiale appare troppo spesso come una semplice risposta alle contraddizioni dell’anarchia internazionale, la realtà è più complessa di così(1). Il...

Read more

Di Cédric Puisney - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=58623

I federalisti e i partiti europei

Quando, il 22 novembre 2023, al Parlamento Europeo si è votato sulla proposta di modifica dei Trattati europei sulla base di un testo presentato da cinque relatori di vari gruppi politici,...

Read more

Mikail Gorbaciov, RIA Novosti archive, image #850809 / Vladimir Vyatkin / CC-BY-SA 3.0

Gorbaciov, convinto federalista

Qualche cenno storico per inquadrare la figura politica di un grande uomo di Stato Nel 1985, quando Gorbaciov arrivò al Cremlino, il mito dell’Urss era ormai a pezzi in tutto il mondo....

Read more

Bandiere europee

Il federalismo è un'altra cosa: la risposta alla...

Nella sua lettera al Foglio del mercoledì 13 Aprile, in risposta ad un manifesto di Enrico Letta, la Presidente di Fratelli d'Italia consacra un passaggio delle sue argomentazioni ai...

Read more

Ucraina: Licenza Creative Commons.

Ucraina: appunti per una fase difficile

E’molto difficile intervenire in una situazione in cui sembrano saltati i parametri di relativa razionalità che negli ultimi settant’anni hanno progressivamente negato la...

Read more

Il Muro di Berlino - Wikimedia commons https://commons.wikimedia.org/wiki/File:West_and_East_Germans_at_the_Brandenburg_Gate_in_1989.jpg

Nazionalismo identitario e globalizzazione in...

Il 1989, come è noto, è l’anno della caduta del muro di Berlino, della fine guerra fredda, dell’inizio, almeno nelle speranze, di una nuova fase della storia europea e...

Read more

Panchina europea a Genova - Piazza Remondini

Panchine europee in ogni città

In una trentina di città italiane sono comparse le “panchine europee”, panchine dipinte con le 12 stelle gialle su fondo blu della bandiera europea. Le ultime sono state a Genova,...

Read more

L'emiciclo del Parlamento europeo, Photo by DAVID ILIFF. License: CC BY-SA 3.0

C’è stato un grande silenzio nel discorso(*) di fine anno del Presidente della Repubblica Mattarella(1). Un silenzio assordante che riguarda l’Europa. Non una parola sulle elezioni europee. Non una parola sulla proposta di riforma istituzionale approvata dal Parlamento europeo il 22 novembre. Non una parola sull’accordo di riforma del sistema europeo di asilo. Eppure le occasioni nel discorso di Mattarella non sono mancate.

Ad esempio quando ha parlato di pace: “Perseguire la pace vuol dire respingere la logica di una competizione permanente tra gli Stati. Che mette a rischio le sorti dei rispettivi popoli. E mina alle basi una società fondata sul rispetto delle persone”. Qui mi sarei aspettato un riferimento all’Unione europea, esempio concreto di come, almeno nel Vecchio continente, sia in corso un tentativo di superamento delle logiche nazionali.

Oppure quando ha accennato alla “partecipazione attiva alla vita civile. A partire dall’esercizio del diritto di voto ... Prima che un dovere, partecipare alla vita e alle scelte della comunità è un diritto di libertà. Anche un diritto al futuro. Alla costruzione del futuro. Partecipare significa farsi carico della propria comunità. Ciascuno per la sua parte”. Qui avrei visto bene un riferimento alle prossime elezioni europee. Quale miglior momento per rafforzare la democrazia europea! E invece nulla.

Un altro punto è quando ha parlato di diritti e della nostra Costituzione: forse avrebbe potuto citare anche la Carta dei diritti fondamentali dell’UE. E invece nulla.

Oppure quando ha sottolineato il disorientamento dei giovani. “Un disorientamento che nasce dal vedere un mondo che disconosce le loro attese. Debole nel contrastare una crisi ambientale sempre più minacciosa. Incapace di unirsi nel nome di uno sviluppo globale.” Perchè non accennare agli sforzi messi in campo dall’UE con il Green Deal ? E invece nulla.

E’ come se il nostro Presidente avesse scelto di privilegiare lo sguardo nazionale a quello cosmopolita. Conoscendo il pensiero di Mattarella pare strana questa miopia. Eppure se guardiamo ai discorsi di fine anno del Presidente francese(2) e del Cancelliere tedesco(3) risulta ancora più evidente.

Emmanuel Macron nel suo discorso ha accennato alle elezioni europee del 2024 mettendo in guardia da chi dice "bugie che seminano il caos". Alle prossime elezioni dobbiamo decidere se "continuare l'Europa o bloccarla", se "proseguire la transizione ecologica o tornare indietro". Ciò di cui ha bisogno la Francia è un'Europa "più forte e più sovrana, alla luce dell'eredità di Jacques Delors" recentemente scomparso.

Olaf Scholz è stato ancora più netto: “La nostra forza risiede nell'Unione europea. Quando l'UE presenta un fronte unito, parla a nome di oltre 400 milioni di persone. In un mondo di otto miliardi di persone, che presto diventeranno dieci, questa è una vera risorsa. Ecco perché è così importante che l'Europa esca unita e rafforzata dalle elezioni europee del prossimo anno”.

La costruzione di un’Europa unita è nell’interesse dell’Italia. Il nostro contributo assieme a quello dei francesi e dei tedeschi è essenziale per il futuro della democrazia europea. Alle prossime elezioni europee possiamo rafforzare o indebolire la casa comune europea. 

Sarebbe stato opportuno ribadirlo nel discorso di fine anno come era già stato fatto prima delle elezioni europee del 2019: "Quest’anno saremo chiamati a rinnovare il Parlamento europeo, la istituzione che rappresenta nell’Unione i popoli europei, a quarant’anni dalla sua prima elezione diretta.  È uno dei più grandi esercizi democratici al mondo: più di 400 milioni di cittadini europei si recheranno alle urne"(4).

Un'occasione persa caro Presidente.

(*) Sul tema è già intervenuto il Movimento europeo in una nota pubblicata su Facebook che riportiamo di seguito:
"Dal 6 al 9 giugno si voterà per rinnovare il parlamento europeo. Parlando del dovere e del diritto di votare nella libertà il Presidente della Repubblica si è dimenticato delle elezioni europee così come parlando dei diritti si è dimenticato dei diritti e dei valori che sono garantiti dalla nostra partecipazione all’Unione europea. Contrariamente al silenzio assordante di Sergio Mattarella, che non ha mai pronunciato la parola Europa, Emmanuel Macron e Olaf Scholz hanno sottolineato il fatto che Francia e Germania saranno forti nel quadro della sovranità europea e hanno ricordato le elezioni europee del prossimo mese di giugno. Noi non ci dimenticheremo delle elezioni europee."

(1) Messaggio di Fine Anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, 31/12/2023
https://www.quirinale.it/elementi/103892
(2) Vœux aux Français pour 2024. Messaggio di fine anno del Presidente francese Emmanuel Macron.
https://www.elysee.fr/emmanuel-macron/2023/12/31/voeux-aux-francais-pour-2024
(3) Messaggio di fine anno del Cancelliere tedesco Olaf Scholz https://www.bundesregierung.de/resource/blob/1955500/2250244/58b6c46d504b031a08af2c5afd786bce/2023-12-31-neujahrsansprache-bk-en-pdf-data.pdf
(4) Messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, 31/12/2018
https://www.quirinale.it/elementi/19822

Autore
Nicola Vallinoto
Author: Nicola Vallinoto
Bio
Informatico, federalista ed altermondialista. Ha curato con Simone Vannuccini il volume collettivo “Europa 2.0 prospettive ed evoluzioni del sogno europeo” edito da ombre corte nel 2010. Ha ideato e promosso l'International Democracy Watch con Lucio Levi e Giovanni Finizio con i quali ha pubblicato il primo rapporto "The democratization of international organizations. First international democracy report", Routledge, 2014. Ha pubblicato "Le parole di Porto Alegre" ed "Europa anno zero", Frili Editori 2002.
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

  

 

europea - parlano i fatti 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

 

neawdealbee

 

 

Europa in onda

Europa in onda