Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

EULink

EULink - European Civic Education - master e corsi

Il progetto EULink-European Civic Education, (https://research.unilink.it/eulink/https://euractiv.it/sections/eu-link/ - sito web: https://eulink.unilink.it/ - sezione articoli su...

Read more

Manifestazione a Bruxelles

La furia dei trattori e il capro espiatorio Europa

Di nuovo sul banco degli imputati e come al solito senza avvocato difensore. Parliamo dell’Unione europea e della rivolta dei trattori. Iniziamo col dire che gli agricoltori hanno tante buone...

Read more

Logo Europarlamento

Le elezioni orfane

Mai abbandonare la speranza, anche se a volte è davvero difficile. Come lo è l’assistere ad una campagna elettorale per il Parlamento europeo, in cui ci sia almeno un pugno di...

Read more

European ballet, Sečovce,  Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license.

Elezioni europee: la truffa delle candidature...

Ci risiamo. Mancano circa 5 mesi alle elezioni europee ed i vecchi vizi della classe politica italiana tornano puntuali a contaminare la campagna elettorale.   Dal 1979 - quando fu...

Read more

L'emiciclo del Parlamento europeo, Photo by DAVID ILIFF. License: CC BY-SA 3.0

Il silenzio di Mattarella sull’Europa

C’è stato un grande silenzio nel discorso(*) di fine anno del Presidente della Repubblica Mattarella(1). Un silenzio assordante che riguarda l’Europa. Non una parola sulle...

Read more

Marcia per la pace Perugia Assisi, 2001

Il federalismo mondiale è la chiave per...

Il federalismo mondiale appare troppo spesso come una semplice risposta alle contraddizioni dell’anarchia internazionale, la realtà è più complessa di così(1). Il...

Read more

Di Cédric Puisney - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=58623

I federalisti e i partiti europei

Quando, il 22 novembre 2023, al Parlamento Europeo si è votato sulla proposta di modifica dei Trattati europei sulla base di un testo presentato da cinque relatori di vari gruppi politici,...

Read more

Mikail Gorbaciov, RIA Novosti archive, image #850809 / Vladimir Vyatkin / CC-BY-SA 3.0

Gorbaciov, convinto federalista

Qualche cenno storico per inquadrare la figura politica di un grande uomo di Stato Nel 1985, quando Gorbaciov arrivò al Cremlino, il mito dell’Urss era ormai a pezzi in tutto il mondo....

Read more

Bandiere europee

Il federalismo è un'altra cosa: la risposta alla...

Nella sua lettera al Foglio del mercoledì 13 Aprile, in risposta ad un manifesto di Enrico Letta, la Presidente di Fratelli d'Italia consacra un passaggio delle sue argomentazioni ai...

Read more

Ucraina: Licenza Creative Commons.

Ucraina: appunti per una fase difficile

E’molto difficile intervenire in una situazione in cui sembrano saltati i parametri di relativa razionalità che negli ultimi settant’anni hanno progressivamente negato la...

Read more

Il Muro di Berlino - Wikimedia commons https://commons.wikimedia.org/wiki/File:West_and_East_Germans_at_the_Brandenburg_Gate_in_1989.jpg

Nazionalismo identitario e globalizzazione in...

Il 1989, come è noto, è l’anno della caduta del muro di Berlino, della fine guerra fredda, dell’inizio, almeno nelle speranze, di una nuova fase della storia europea e...

Read more

Panchina europea a Genova - Piazza Remondini

Panchine europee in ogni città

In una trentina di città italiane sono comparse le “panchine europee”, panchine dipinte con le 12 stelle gialle su fondo blu della bandiera europea. Le ultime sono state a Genova,...

Read more

Manifestazione a Bruxelles

Di nuovo sul banco degli imputati e come al solito senza avvocato difensore. Parliamo dell’Unione europea e della rivolta dei trattori.

Iniziamo col dire che gli agricoltori hanno tante buone ragioni per essere arrabbiati. Quello appena trascorso può essere definito annus horribilis per chi lavora nei campi. IL 2023 è iniziato con un inverno eccezionalmente mite e siccitoso. Poi le alluvioni in Grecia, Francia, Germania ed Italia, che hanno causato danni per circa 17 miliardi (9 dei quali riguardano la sola Emilia-Romagna). Come se non bastasse la guerra in Ucraina ha causato almeno due conseguenze particolarmente gravi per l’agricoltura: l’impennata dei costi energetici ed il calo dei prezzi dei cereali, crollati di circa il 30% nel 2023.

E’ colpa dell’Unione europea? Evidentemente no. Ma stando ad alcune posizioni molto diffuse, invece bisognerebbe prendersela proprio con l’ottusa Commissione europea, e le sue folli idee, se nelle campagne infuria la protesta. In particolare, il primo responsabile sarebbe l’ormai ex super Commissario Frans Timmermans, ideatore e responsabile del famigerato Green Deal europeo.

Questo provvedimento, di cui si sente tanto parlare ma dai contenuti poco noti, è stato adottato nell’ormai lontanissimo dicembre 2019 con l’avallo di tutti i Capi di Stato e di governo dei 27 paesi membri della UE. L’obiettivo principale è quello di invertire la rotta attuale, che sta portando le nostre economie a trasformare il mondo in un luogo inospitale. Per riuscirci però, bisogna dare vita ad un nuovo corso ecologicamente sostenibile, a partire dal raggiungimento della neutralità climatica, che vuol dire fermare l’immissione nell’atmosfera di gas che innalzano la temperatura globale.

Quando venne approvato il Green Deal sembravano tutti contenti. Anche perché i dati forniti dagli scienziati dell’Agenzia europea per l’ambiente, ci dicono che dal 1980 ad oggi i danni causati dai cambiamenti climatici ammontano, solo in Europa, a quasi 1.000 miliardi. Perdite economiche che sono in costante crescita.

Se davvero si vuole passare dalle parole ai fatti, però bisogna darsi da fare. E quindi apportare dei veri cambiamenti ed essere anche disposti a sostenere qualche costo iniziale.

Concentrandoci sull’agricoltura, i passi consigliati dall’Europa sono indicati nella poco nota Strategia dal produttore al consumatore del maggio 2020, che propone di intervenire in quattro ambiti: innovare le imprese agricole; rendere più sicuri e sostenibili i modi di produzione; modificare i modelli di consumo; investire nella ricerca.

In concreto questo vuol dire, ad esempio: dare vita ad imprese agricole che si occupino di catturare il carbonio (carbon farming); creare bioraffinerie (per utilizzare, come business e non come costo, i gas prodotti dal bestiame, che inquina più delle automobili); espandere gli ambiti delle produzioni biologiche; mettere a riposo o diversificare le produzioni agricole nei campi per evitare il progressivo impoverimento del terreno.

Per rendere più sicuri i modi di fare agricoltura, si pensa tra l’altro, a: ridurre i pesticidi con prodotti e tecniche alternative; limitare l’uso di nutrienti e fertilizzanti del suolo (come azoto e fosforo), che creano inquinamento e perdita della diversità biologica; abbattere il ricorso a prodotti antimicrobici nell’alimentazione animale, che ha effetti deleteri per la salute umana (calcolati nella morte di circa 33.000 persone all’anno per l’innalzamento della resistenza ai farmaci).

E poi intervenire per ridurre lo spreco alimentare (buttiamo oltre il 20% di quello che produciamo) e incentivare la ricerca in ambito agricolo.

L’Unione però non si limita a dare buoni consigli, ci mette pure i soldi, tanti soldi. Per il quinquennio 2023-2027 sono ben 300 i miliardi del bilancio europeo destinati agli agricoltori. Finanziamenti che crescono ulteriormente se aggiungiamo quelli per la ricerca e per l’ambiente.

Oltre ai soldi poi la UE per certi tipi di intervento detta anche le regole che tutti sono tenuti a rispettare. Regole tra le quali ci sono quelle sulle Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali dei terreni (le cosiddette norme BCAA). Quelle tanto in odio ai conducenti dei trattori, che impongono la regola del riposo dei campi o della loro diversificazione produttiva (invece di lasciare il suolo incolto si possono impiantare legumi, siepi o piante ad alto fusto). Anche in questo caso però non è che l’Europa è sorda e cieca.

Prima di adottare o modificare delle norme la UE sente i diretti interessati. E tra questi ci sono da sempre le principali rappresentanze degli agricoltori. Se vede che ci sono dei problemi nell’applicare le norme, facilmente concede delle deroghe. Come è già accaduto proprio con le famigerate norme BCAA nel 2022, per le quali anche l’Italia ha applicato delle deroghe con apposite circolari governative.

Allora, il colpevole è l’Unione europea? Ed i comportamenti incriminati sarebbero il Green Deal, con il quale si vogliono eliminare le principali cause che hanno portato all’ annus horribilis degli agricoltori. Oppure la Strategia europea dal produttore al consumatore, che indica la strada da seguire per rafforzare in modo serio e sostenibile il settore dell’agricoltura. O le norme europee, adottate in modo partecipato e pronte a accogliere deroghe e modifiche con grande rapidità, come sta avvenendo anche a fronte dell’attuale protesta.

Almeno, però, all’Unione dovremo riconoscere le attenuanti generiche. Per i tanti soldi che da quando esiste, immette nel settore agricolo per sovvenzionarlo, sostenerlo e rafforzarlo. Settore, che in assenza delle Istituzioni di Bruxelles sarebbe già scomparso in Europa, perché travolto dalla concorrenza spregiudicata delle big farm americane e dai prezzi stracciati dei prodotti asiatici e del resto del mondo.

Infine, un po’ di clemenza. Per l’assenza di voci a difesa (i media e la politica, in Italia almeno, non spendono una parola a favore della UE), e per l’utilizzo ripetuto e sistematico dell’Unione come capro espiatorio di ogni male, oggi quello delle giuste preoccupazioni degli agricoltori.

 

Autore
Fabio Raspadori
Author: Fabio Raspadori
Bio
Professore abilitato alla fascia di ordinario di diritto dell’Unione europea, insegna nel Dipartimento di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Perugia dal 2001. Nel 2007 ha fondato e diretto a Perugia l’Associazione Europei con l’obiettivo di promuovere e diffondere il processo di integrazione a partire dal territorio. Dal 2008 dirige il Laboratorio universitario “Finestra sull’Europa” nel quale studenti universitari, sotto il controllo di tutor esperti, pubblicano mensilmente articoli di giornale di attualità europea sul principale quotidiano regionale e partecipano settimanalmente al telegiornale regionale della RAI. Visiting professor con il Programma Erasmus nelle università di Salisburgo e Castilla la Mancha, responsabile nel 2012 di un Progetto Jean Monnet, attualmente è responsabile del Centro di documentazione europea dell’Ateneo Perugino
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

  

 

europea - parlano i fatti 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

 

neawdealbee

 

 

Europa in onda

Europa in onda