Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

EULink

EULink - European Civic Education - master e corsi

Il progetto EULink-European Civic Education, (https://research.unilink.it/eulink/https://euractiv.it/sections/eu-link/ - sito web: https://eulink.unilink.it/ - sezione articoli su...

Read more

Manifestazione a Bruxelles

La furia dei trattori e il capro espiatorio Europa

Di nuovo sul banco degli imputati e come al solito senza avvocato difensore. Parliamo dell’Unione europea e della rivolta dei trattori. Iniziamo col dire che gli agricoltori hanno tante buone...

Read more

Logo Europarlamento

Le elezioni orfane

Mai abbandonare la speranza, anche se a volte è davvero difficile. Come lo è l’assistere ad una campagna elettorale per il Parlamento europeo, in cui ci sia almeno un pugno di...

Read more

European ballet, Sečovce,  Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license.

Elezioni europee: la truffa delle candidature...

Ci risiamo. Mancano circa 5 mesi alle elezioni europee ed i vecchi vizi della classe politica italiana tornano puntuali a contaminare la campagna elettorale.   Dal 1979 - quando fu...

Read more

L'emiciclo del Parlamento europeo, Photo by DAVID ILIFF. License: CC BY-SA 3.0

Il silenzio di Mattarella sull’Europa

C’è stato un grande silenzio nel discorso(*) di fine anno del Presidente della Repubblica Mattarella(1). Un silenzio assordante che riguarda l’Europa. Non una parola sulle...

Read more

Marcia per la pace Perugia Assisi, 2001

Il federalismo mondiale è la chiave per...

Il federalismo mondiale appare troppo spesso come una semplice risposta alle contraddizioni dell’anarchia internazionale, la realtà è più complessa di così(1). Il...

Read more

Di Cédric Puisney - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=58623

I federalisti e i partiti europei

Quando, il 22 novembre 2023, al Parlamento Europeo si è votato sulla proposta di modifica dei Trattati europei sulla base di un testo presentato da cinque relatori di vari gruppi politici,...

Read more

Mikail Gorbaciov, RIA Novosti archive, image #850809 / Vladimir Vyatkin / CC-BY-SA 3.0

Gorbaciov, convinto federalista

Qualche cenno storico per inquadrare la figura politica di un grande uomo di Stato Nel 1985, quando Gorbaciov arrivò al Cremlino, il mito dell’Urss era ormai a pezzi in tutto il mondo....

Read more

Bandiere europee

Il federalismo è un'altra cosa: la risposta alla...

Nella sua lettera al Foglio del mercoledì 13 Aprile, in risposta ad un manifesto di Enrico Letta, la Presidente di Fratelli d'Italia consacra un passaggio delle sue argomentazioni ai...

Read more

Ucraina: Licenza Creative Commons.

Ucraina: appunti per una fase difficile

E’molto difficile intervenire in una situazione in cui sembrano saltati i parametri di relativa razionalità che negli ultimi settant’anni hanno progressivamente negato la...

Read more

Il Muro di Berlino - Wikimedia commons https://commons.wikimedia.org/wiki/File:West_and_East_Germans_at_the_Brandenburg_Gate_in_1989.jpg

Nazionalismo identitario e globalizzazione in...

Il 1989, come è noto, è l’anno della caduta del muro di Berlino, della fine guerra fredda, dell’inizio, almeno nelle speranze, di una nuova fase della storia europea e...

Read more

Panchina europea a Genova - Piazza Remondini

Panchine europee in ogni città

In una trentina di città italiane sono comparse le “panchine europee”, panchine dipinte con le 12 stelle gialle su fondo blu della bandiera europea. Le ultime sono state a Genova,...

Read more

Logo Europarlamento

Mai abbandonare la speranza, anche se a volte è davvero difficile. Come lo è l’assistere ad una campagna elettorale per il Parlamento europeo, in cui ci sia almeno un pugno di candidati che ci credono.

Che credono nell’Unione europea, nel suo ruolo di avanguardia della civiltà, nella sua capacità di migliorare le nostre vite; o anche, più modestamente che sappiano cosa fa in concreto l’Unione europea, quale peso abbia nelle nostre vite e che siano disposti ad incentrare le loro campagne elettorali su questo.

Il fatto che si tratti di una mera speranza, mi è stato riconfermato qualche sera fa assistendo alla trasmissione TG2 Post, alla quale oltre a due politici erano presenti giornalisti di diverse testate ed agenzie stampa.

Persone degnissime e capaci, chiamate a discutere sul tema “il rebus candidature” alle elezioni europee. Gli argomenti trattati, numerosi ed alcuni anche interessanti. Il centro del discorso però è stato quello della sfida politica interna. Candidature sì, candidature no; convenienza politica dei leader a scendere in campo, il poco interesse dei cittadini, legami tra le europee e le regionali.

Poi c’è stato anche qualche accenno a contenuti politici, ma proprio di sfuggita. La crisi energetica, la povertà sociale, l’ambiente e l’immigrazione. Tutto qui, ma poteva andare anche peggio.

Da europeista e modesto conoscitore del funzionamento dell’Unione europea l’impressione è comunque deludente.

Lo è perché nessuno ha detto di quanto è importante l’Unione europea, in particolare per un paese come il nostro, la cui principale ricchezza poggia sull’export, che per oltre il 70% riguarda i paesi del mercato interno europeo, dove è più conveniente vendere e comprare. Né si è ricordato che è solo grazie all’Unione europea ed ai tanti fondi per il sostegno alla ricerca, che in Italia si riesce a stare al passo con le innovazioni scientifiche e tecnologiche. E tantomeno si è accennato al fatto che, se si completasse il processo di integrazione, si assisterebbe ad una crescita costante di circa 2.000 miliardi all’anno (dei quali oltre 200 arricchirebbero l’economia italiana).

E soprattutto, visto che si parlava di elezioni del Parlamento europeo, nessuno ha rivendicato l’importanza che l’Eurocamera ha, almeno dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona nel 2009, nell’avviare le principali innovazioni normative. Come è avvenuto recentemente per il salario minimo, per il risparmio e l’efficientamento energetico, per la regolamentazione dell’Intelligenza artificiale. Tutti temi di enorme importanza, che, insieme a molti altri, sono disciplinati in base a quanto sostiene il Parlamento europeo e non quello italiano, tedesco o francese.

Ci si è invece limitati ad accennare genericamente ai problemi dell’immigrazione, della povertà sociale e dell’energia. Sottolineando, da alcuni, che si tratterebbe di ambiti nei quali l’azione della UE è insoddisfacente e per questo alimenta la sfiducia dei cittadini. Si è ripetuta questa stanca narrazione, senza segnalare (verrebbe da dire denunciare), che in tali settori (immigrazione, politiche sociali ed energia), l’azione della UE e del Parlamento europeo è fortemente indebolita dai veti degli Stati e da altri limiti che questi hanno introdotto per ridurre il peso dell’Unione.

Ed è proprio riguardo a quest’ultimo aspetto, ossia il potenziamento dell’azione dell’Unione, che si è riscontrata ieri, come d’altronde accade da mesi su tutti i media, la più grande lacuna informativa. La riforma dei trattati istitutivi, proposta dal Parlamento europeo il 22 novembre scorso, che punta ad un significativo rafforzamento della UE (con il generale superamento del potere di veto degli Stati), non è stata neppure accennata.

Ora, se il rebus candidature alle europee lo si vuole sciogliere senza parlare d’Europa e dei suoi temi, è chiaro che ci dobbiamo aspettare l’ennesima occasione perduta: delle elezioni poco partecipate, mal comprese, mistificate e soprattutto la mancata comprensione dell’importanza di un Parlamento europeo formato da donne ed uomini che credono profondamente nel progetto europeo.

 

Autore
Fabio Raspadori
Author: Fabio Raspadori
Bio
Professore abilitato alla fascia di ordinario di diritto dell’Unione europea, insegna nel Dipartimento di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Perugia dal 2001. Nel 2007 ha fondato e diretto a Perugia l’Associazione Europei con l’obiettivo di promuovere e diffondere il processo di integrazione a partire dal territorio. Dal 2008 dirige il Laboratorio universitario “Finestra sull’Europa” nel quale studenti universitari, sotto il controllo di tutor esperti, pubblicano mensilmente articoli di giornale di attualità europea sul principale quotidiano regionale e partecipano settimanalmente al telegiornale regionale della RAI. Visiting professor con il Programma Erasmus nelle università di Salisburgo e Castilla la Mancha, responsabile nel 2012 di un Progetto Jean Monnet, attualmente è responsabile del Centro di documentazione europea dell’Ateneo Perugino
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

  

 

europea - parlano i fatti 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

 

neawdealbee

 

 

Europa in onda

Europa in onda