Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Manifestazione al Brennero del 20 febbraio (foto pagina fb PD Trentino)

Sabato 20 febbraio 2016.

Si parte in treno, pullman, auto e con ogni altro mezzo verso il passo del Brennero, confine Italia-Austria, dove si terrà questa catena umana per dire NO al ripristino dei controlli alle frontiere e quindi perdere di fatto tutte le fondamentali libertà di circolazione e commercio conquistate in passato. Bandiere, trombe e sassofoni, mani intrecciate.

Tutto è nato dalla bella idea del Partito Democratico del Trentino di manifestare il suo dissenso dopo che l’Austria ha affermato di voler erigere una barriera al confine del Brennero. L’appello è poi stato sottoscritto da vari consiglieri regionali e provinciali, da esponenti del mondo sindacale, associativo, culturale, della società civile, e da singoli cittadini: alla manifestazione hanno così aderito cariche istituzionali, membri del Partito Democratico, dei Verdi, del PATT, dell’SVP e di SEL, le Acli, i sindacati, il CNCA, il Centro Astalli e la Gioventù Federalista Europea. Nonostante non tutti abbiano potuto parteciparvi di persona, il gesto simbolico di adesione ha avuto i suoi effetti positivi.

Il PD trentino ha definito un successo questa iniziativa (organizzata in pochi giorni!), con la partecipazione di circa 200 persone da Italia, Austria e Germania, ma bisognerebbe piuttosto definirla un piccolissimo passo. E non è stato un piccolissimo passo per il minimo gesto simbolico che ha avuto un po' di eco nei media, sia locali che nazionali, ma soltanto per le piccole relazioni intrecciate tra i cittadini presenti, i primi veri politici al di là di quelli con una carica istituzionale.

L'Europa è senza i suoi sovrani: i cittadini! Infatti il sogno di un’Europa unita e coesa sta paradossalmente crollando, a causa dei vari egoismi nazionali, con gli Stati che continuano ad erigere nuovi muri. Bisogna quindi progredire nell’intento e percorrere molti altri passi: tutti noi sovrani sappiamo che dal luogo comune del confine del Brennero si può arrivare a Roma, a Vienna, e forse - camminando tanto - si arriva anche a Bruxelles, a Londra, a Stoccolma, a Sofia e ad Atene. Ma per prima cosa bisogna mettere giù le bandiere e fare rete nella società civile, al fine di contare e pesare, prima, a livello europeo. Perché il problema del Brennero è tuo ed è mio. Dopo il Brennero ci sarà il traforo del Monte Bianco, poi il ponte che collega Danimarca e Svezia e così via. Tutti noi dobbiamo far rivivere Alexander Langer ed alzarci in piedi: costruendo ponti e non muri. Tutti noi dobbiamo far rivivere il sogno di Spinelli, De Gasperi, Schuman, Monnet, Adenauer e gli altri: un’Europa federale, un’Europa pienamente e davvero integrata che si occupi in primis dei suoi cittadini e del bene comune e che metta da parte gli egoismi e i nazionalismi.

Basterà un nostro piccolissimo passo per costruire un ponte, poi un altro e poi un altro ancora e impedire il rapido ed incessante declino che la nostra casa comune chiamata Europa sta vivendo sotto i nostri occhi. Ma per prima cosa dovremo rinunciare alla nostra bandiera personale e far sventolare quella degli altri. Sabato mancava ancora questo. La prossima volta forse dovremo fare così.

 

- Le foto della manifestazione

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.957917324301539.1073741839.198004843626128&type=3

Autore
Giorgio Romagnoni e Pietro Scartezzini
Author: Giorgio Romagnoni e Pietro Scartezzini
Bio
Giorgio Romagnoni (presente di persona alla manifestazione come cittadino europeo e come rappresentante del Centro Astalli Trento e della rete di cittadinanza attiva di Divieto di Sosta/seratalternativa); Pietro Scartezzini (membro fondatore della Gioventù Federalista Europea, sezione di Trento e già membro della Direzione Nazionale GFE come International Officer)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

Ventotene, Lunedì 4 settembre, ore 21.30, Piazza Castello. Presentazione del libro "La mia solitaria fierezza. Altiero Spinelli: le carte del confino di Ponza e Ventotene dell'Archivio di Stato di Latina". Con Dario Petti, Marilena Giovannielli, Giorgio Anselmi, Federico Brunelli e Mario Leone curatore del libro.

MobilitAzioni

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner iniziativa GFE Don't Touch My Schengen

Petizione All Free Move

 

Europa in onda

Europa in onda