Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Appello ai deputati europei

Domani il Parlamento Europeo vota sulle sanzioni all’Ungheria di Orban per le violazioni ai diritti umani e democratici.

La societa’ civile democratica ungherese chiede ai parlamentari di votare si’.

Qui sotto l’appello in italiano.

Uniti si vince per l'Ungheria e per l'Unione europea

VOTA SI il 12 settembre per l'azione del Parlamento europeo sull'Ungheria

Il 12 Settembre i deputati del Parlamento Europeo saranno di fronte ad una decisione: difendere i valori europei o abbandonarli.

 

Apparteniamo all'Unione europea per una ragione: crediamo nei valori comuni e percorriamo una strada comune, basata sul rispetto da parte di tutti gli Stati membri dei diritti umani, lo stato di diritto e i diritti fondamentali.

Ma il governo attuale dell'Ungheria ha deviato da questo percorso comune, limitando la libertà di stampa, la libertà di associazione e pregiudicando l'indipendenza dei tribunali.

Riporta l'Ungheria sul nostro percorso comune.

Onorevoli, votate si il 12 Settembre per lanciare un'azione europea (articolo 7 del Trattato Unione europea)

Siamo consapevoli delle minacce alla libertà

L'Europa dispone di uno spettro politico ampio, ma questo non puo' essere distorto per permettere la negazione dei diritti, le cui conseguenze consociamo purtoppo bene dalla nostra storia

Crediamo tutti che il futuro dell'Europa dovrebbe essere difeso
Se incontrollata, la deteriorazione del rispetto dei diritti fondamentali e dello stato di diritto in Ungheria continuerà ad espandersi in altri paesi europei

Chiediamo ai nostri rappresentanti eletti di alzare la loro voce

I membri del Parlamento europeo hanno la responsabilità di difendere i diritti dei popoli in tutta l'Unione europea

I repsonsabili europei hanno cercato di tenere conto delle esigenze, di convincere e hanno mandato degli avvertimenti al governo ungherese. Tutto questi sforzi si sono rivelati inutili. Al contrario la mancanza di un'azione decisa ha incoraggiato e rafforazato la leadership autocratica del governo ungherese.

Uniti si vince

L'articolo 7 (1) dei Trattati europei da il potere ai deputati europei di agire

Votate Si

Autore
Raffaella Bolini
Author: Raffaella Bolini
Bio
Nata a Roma 53 anni fa. Responsabile delle relazioni internazionali dell’Arci. Da sempre attivista nella costruzione e nella manutenzione dei movimenti sociali per la pace, contro il razzismo, per la solidarietà internazionale, per un altro mondo e un'altra Europa possibile. Attualmente fa parte del Consiglio Internazionale del Forum Sociale Mondiale, del Comitato Esecutivo della Rete Euromed per i Diritti Umani, del Board della rete europea Solidar, del comitato promotore dell'Altersummit ed è vicepresidente del Forum Civico Europeo. Molte sigle, ma niente di complicato: sono solo alcuni dei tanti luoghi in cui gli attori sociali europei e mondiali cercano di darsi forza a vicenda per conquistare e difendere democrazia e diritti.conquistare e difendere democrazia e diritti.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

 
banner campagna

fermiamolafebbredelpianeta

unpa campaign

neawdealbee

banner appello per un'Europa federale

 

Europa in onda

Europa in onda