Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Manifestazione a Marrakech per la Cop 22, foto di Marica Di Pierri

14 novembre 2016, Marrakech - Marocco dopo una settimana e l'assorbimento dell'urlo di Trump, i lavori della COP22 entrano di fatto nel vivo assieme a una visione nuova dell'assetto mondiale. Infatti dalla plenaria dalla quale sto scrivendo la svolta negazionista e anti ecologista americana non ha trovato quel seguito che normalmente un decennio fa avrebbe trovato, ovvero i grandi paesi e le grandi economie del mondo non solo non si sono accodate al USA pensiero qualsiasi esso sia ma anzi un unione di paesi dell'America latina uniti hai giganti asiatici come la Cina hanno chiesto passi avanti rispetto a Parigi, con l'aumento della dotazione finanziaria per lo sviluppo e l'applicazione delle nuove tecnologie per l'ambiente, la produzione energetica e soprattuto i trasporti.

 

A tali richieste si associano anche grossa parte degli stati africani a parte i produttori di petrolio, per ovvie ragioni e gli stati insulari che, come abbiamo potuto oggi apprendere dal ministro dell'ambiente e dell'energia della Maldive, Mr. Thoriq Ibrahim che vedono la stessa esistenza dei loro stati a rischio a causa dell'innalzamento dei mari.

In queste ore il segretario di stato USA J. Kerry atterra a Marrakesh, l'ultimo evento pubblico dell'amministrazione Obama, ma ve da chiedersi se sarà anche l'ultimo evento pubblico degli USA come potenza mondiale con un ruolo definito all'interno della comunità delle Nazioni Unite, o diventeranno pura potenza regionale sempre più ripiegata e murata su se se stessa incapace sia di guidare il pensiero mondiale, ma anche di interpretarlo e farsene parte.

Non sappiamo se le grida di disperazione, i canti i balli delle genti che sono confluite nelle strade di Marrakesh davanti alla COP, nelle piazze saranno veramente ascoltati, i documenti raccolti e fatti propri dagli stati nazionali, ma sappiamo che questa conferenza è il primo atto che definisce il rapporto tra coloro che sono stati fari di civiltà e il resto del mondo.

Autore
Matteo Valtancoli
Author: Matteo Valtancoli
Bio
Matteo Valtancoli classe 1982 designer della comunicazione impegnato nel terzo settore membro attivo del MFE delegato regionale Emilia Romagna per la sezione di Forli. Membro del direttivo dell'Istituto di studi sul federalismo e l'unità europea, Paride Baccarini.
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

I blog federalisti (FederalHub)

La rete federalista in Italia (FederalHub)

La rete federalista in Europa (FederalHub)

La rete federalista nel mondo (FederalHub)

Eventi

Reddito di base. Una proposta concreta per il XXI secolo.

Meeting del Basic Income Network – Italia

Venerdì 10 novembre – Roma - link al programma

MobilitAzioni

 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner appello per un'Europa federale

 

Europa in onda

Europa in onda

Le riviste federaliste (FederalHub)

Trasmissioni radio TV federaliste (FederalHub)