Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Viktor Orban

Si sono svolte domenica 8 aprile le elezioni generali in Ungheria. 199 i seggi da assegnare: 106 con il sistema uninominale e 93 con il proporzionale, con soglia di sbarramento al 5% per i singoli partiti e al 10% per le coalizioni di 2 partiti.

Le elezioni, come si vede dalla tabella, sono state vinte in maniera schiacciante dalla coalizione FIDESZ-CDNP del premier Viktor Orban, che si conferma premier per la terza volta consecutiva. Dal 2010 l’Ungheria è governata con una solida maggioranza dal partito FIDESZ, alleato con i cattolici conservatori del CDNP, che, benché aderente al Partito Popolare Europeo, è stato condotto dal suo leader e primo ministro Viktor Orban su posizioni decisamente euroscettiche e addirittura autoritarie in politica interna (magistratura e banca centrale soggette al controllo politico, limiti alla libertà di stampa), tanto che la Commissione europea a più riprese ha stigmatizzato i provvedimenti del governo ungherese fino ad intraprendere una procedura di infrazione. 

 

PARTITO /COALIZIONE

% VOTO

SEGGI

LEADER

 

48,5

 

133

Viktor Orbán

Destra (PPE)

 

12,4

 

20

Gergely Karácsony

Socialisti

 

19,5

 

26

Gábor Vona

Estrema destra

 

2,6

 

1

Péter Juhász

Socialdemocratico

 

 

5,6

 

9

Ferenc Gyurcsányi

Social-liberali

 

 

6,9

 

8

Bernadette Szél

Verdi

 

2,8

 

0

András Fekete-Győr

Centro-destra

 

1,7

 

0

Gergely Kovács

Comico irridente

 

Queste elezioni confermano l’orientamento ungherese nei confronti dell’Unione Europea; l’Ungheria fa parte, insieme a Polonia, Cekia e Slovacchia, del cosiddetto “gruppo di Visegrad” i cui leader rappresentano la punta avanzata delle forze nazionaliste in Europa.

Il gruppo di Visegrad era nato nel 1991 per iniziativa di leaders illuminati come il polacco Walesa il ceco Havel e l’ungherese Antall, come un coordinamento dei paesi usciti dal comunismo e desiderosi di consolidare la democrazia liberale interna attraverso l’adesione alla Unione Europea e ai suoi valori, poi, dopo l’adesione all’UE avvenuta nel 2004, il gruppo si è caratterizzato, insieme alla Gran Bretagna, come fautore del mantenimento di maggiori competenze a livello nazionale e limitazioni alle presunte “ingerenze” dell’Unione Europea. Dopo l’arrivo al potere nel 2010 in Ungheria di FIDESZ e nel 2015 del partito conservatore PIS in Polonia, i leaders del gruppo di Visegrad hanno cavalcato a scopo interno il tema dell’immigrazione e paventato il rischio di islamizzazione della società europea indicando come “nemico esterno” l’Unione europea che avrebbe favorito l’ondata migratoria minando in tal modo le radici cristiane della società europea. Questa posizione è stata premiante dal punto di vista elettorale sia in Ungheria che in Polonia, ove l’opposizione democratica e di sinistra è stata addirittura esclusa dal parlamento.

Il fenomeno dell’avanzata dei partiti populisti e nazionalisti non è un fenomeno limitato ad alcuni paesi ex comunisti dell’est, ma riguarda l’intera Europa: la Brexit in Gran Bretagna, le affermazioni di Lega e 5 stelle in Italia, la coalizione al governo in Austria sono fenomeni analoghi anche se ognuno con specificità differenti.

Le spiegazioni di tali fenomeni possono essere molteplici a seconda dei criteri di analisi adottati ed ognuno ha una sua parte di verità. Per noi federalisti la ragione fondamentale che sta alla base dell’avanzata dei nazionalismi risiede proprio nella crisi dello stato nazionale; infatti per le sue dimensioni economiche e per la sua irrilevanza geopolitica ogni singolo stato europeo non ha i mezzi per governare gli effetti della globalizzazione quali lo strapotere della finanza internazionale, i flussi migratori, la diffusione delle mafie. Questa incapacità strutturale degli stati nazionali a governare fenomeni sovranazionali crea un senso di insicurezza facilmente sfruttabile da forze populiste che indicano nelle politiche dell’Unione Europea la responsabilità di questo stato di cose e indicano come soluzione il riappropriarsi della sovranità in campo economico (sganciandosi quindi dai vincoli del mercato unico e della moneta unica) e l’utilizzo di metodi autoritari in tema di sicurezza e immigrazione.

Il caso ungherese non sarà certo l’ultimo se non si affermerà nell’Unione Europea un deciso cambio di rotta nelle politiche europee che dimostri nei fatti come l’Unione sia in grado di affrontare la crisi occupazionale, i ritardi nella ricerca e nell’istruzione e la sua irrilevanza in politica estera. Condizione di questo salto di qualità è, da un lato, un aumento delle risorse finanziarie proprie attraverso sistemi di fiscalità sovranazionali (web tax, carbon tax, tassa sulle transazioni finanziarie) e, dall’altro, una riforma dei trattati in senso federale (potere di tassazione e/o di indebitamento, poteri al Parlamento Europeo e fine del criterio dell’unanimità nelle decisioni di politica estera e fiscali). Senza una riforma federale l’Europa rischia di ritornare alla tragedia dei nazionalismi del XX secolo, cosa cui non vorremmo assolutamente assistere.  

 

Autore
Piergiorgio Grossi
Author: Piergiorgio Grossi
Bio
Piergiorgio Grossi, 67 anni, laureato in Ingegneria meccanica siderurgica,ha lavorato come dirigente commerciale presso l'ILVA a Genova e Milano; federalista europeo e promotore del Comitato per il Reddito Minimo Garantito in Liguria, è oggi segretario della sezione di Genova del Movimento Federalista Europeo.
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

Contro Festa dell'Europa, Roma 9 maggio - vedi il programma

MobilitAzioni

 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner appello per un'Europa federale

 

Europa in onda

Europa in onda