Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Michelle Bachelet durante il suo intervento a Ginevra, Human Rights Council, 10 settembre 2018

Il provincialismo italiano, che è inesorabilmente radicato nelle forze politiche italiane, ha manipolato il primo discorso di Michelle Bachelet a Ginevra lasciando intendere che l’obiettivo principale della sua azione sarebbe stata la crescita del razzismo in Italia.
Michelle Bachelet (figlia di un prigioniero politico morto in carcere e torturata dagli aguzzini di Pinochet che aveva interrotto brutalmente l’esperienza esaltante di Allende con il sostegno degli Stati Uniti) ha presentato lo stato drammatico delle violazioni del diritto umanitario nel mondo alla vigilia delle celebrazioni dei settanta anni della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.


Ha rilanciato in primo luogo le accuse della Corte penale internazionale alla Birmania.
Ha chiesto al Consiglio dei diritti dell’Uomo di creare un organo internazionale indipendente per raccogliere, preservare e analizzare le prove dei crimini internazionali.
Ha accusato la Cina per le discriminazioni religiose nei confronti della minoranza mussulmana nella regione di Xinjiang.
Ha ricordato i conflitti armati in Siria e nello Yemen senza dimenticare le decine di paesi dove le violazioni dei diritti dell’Uomo sono all’ordine del giorno.
Michelle Bachelet ha infine scritto e parlato lungamente della questione migratoria denunciando le politiche di alcuni governi occidentali come gli Stati Uniti, l’Ungheria, l’Italia e l’Austria ricordando che ci sono nel mondo duecento cinquanta milioni di persona in cerca di rifugio su sette miliardi e mezzo di abitanti.
Consigliamo a tutti di leggere la versione scritta del suo discorso(*) e di diffonderne il link sui social a cui ciascuno ha accesso.

 

(*) Il video del discorso di Michelle Bachelet a Ginevra 

Autore
Pier-Virgilio Dastoli
Author: Pier-Virgilio Dastoli
Bio
Pier Virgilio Dastoli, già assistente di Altiero Spinelli, ha ricoperto vari ruoli sia nelle istituzioni europee, tra cui quello di Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, sia nelle organizzazioni europeiste e federaliste dove è stato anche Segretario generale del Movimento Europeo Internazionale. Attualmente è presidente del Consiglio Italiano del Movimento Europeo, Inoltre è membro del Comitato Centrale del Movimento Federalista Europeo, del Comitato federale dell'UEF e del Direttivo Internazionale del CIFE. E’ senior fellow della scuola di politica economica della LUISS Guido Carli, svolge attività di docenza nei corsi organizzati dalla Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale, coordina un master presso l'Università Telematica Internazionale Uninettuno. È membro dell'associazione Mulino e dell'Istituto Affari Internazionali. E’ autore di numerosi saggi e articoli sull'Europa, coautore di numerosi volumi su tematiche europee in italiano, francese e inglese ed ha collaborato con l’Enciclopedia Treccani e l’Enciclopedia UTET. È stato nominato Commendatore al Merito della Repubblica dal Presidente Napolitano.
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner appello per un'Europa federale

 

Europa in onda

Europa in onda