Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Marcia delle donne e degli uomini scalzi - Genova, 11 settembre 2015
di Nicola Vallinoto
 
Abbiamo appena ricevuto la dichiarazione di Pier Virgilio Dastoli, Presidente del Consiglio Italiano del Movimento europeo, con la richiesta di dimissioni collettive della Commissione europea in seguito al rigetto delle proposte Juncker da parte del Consiglio europeo dei Ministri degli interni appena conclusosi. Quali sono state le decisioni dei 28 governi per affrontare il problema di profughi e migranti? Quale il fronte dei paesi che si sono rifiutati di accettare le proposte seppure modeste della Commissione europea ?
 

I governi hanno confermato la decisione, presa a giugno, di "attaccare militarmente gli scafisti". Tutti sanno che si tratta di un'operazione impossibile da realizzare (salvo la distruzione degli scafi sbarcati in Italia o Grecia), inutile e potenzialmente pericolosa. E' un'operazione demagogica che non è nemmeno condivisa dalla Marina Militare.

I governi hanno inoltre confermato il penoso accordo sulla redistribuzione di un numero drammaticamente limitato di profughi. Come ha scritto Andrea Bonanni su "La Repubblica", il rinvio della decisione (che il Consiglio avrebbe potuto prendere a maggioranza !) sulla nuova proposta della Commissione è il primo passo verso il suo fallimento.

Il fronte del rifiuto era formato dalla minoranza dei paesi della "nuova Europa" che dal 2004 hanno ampiamente usufruito della solidarietà corposa dell'Unione europea.

Infine è gravissimo che la maggioranza del Consiglio non abbia ufficialmente denunciato l'orientamento fascista del governo Orban.

 
L'immagine che l'Europa sta offrendo fa gridare "Vergogna".  Di fronte alla tragedia umanitaria i cittadini europei si sono mobilitati nell'ultimo weekend scendendo in piazza in centinaia di città con la Marcia delle donne e degli uomini scalzi. Possibile che i governi continuino a non capire che la situazione dei profughi sta esplodendo e che se non si trova una soluzione comune europea l'unica alternativa è quella dello sgretolamento del progetto di integrazione così come lo abbiamo vissuto finora ? 
 
I governi sono nello stesso tempo succubi e protagonisti delle tendenze populiste razziste e nazionaliste nei loro paesi. E' la ri-prova della necessità di un governo europeo ben al di là della gestione dell'Eurozona
 
La richiesta di condanna del Consiglio dell'UE alla Corte di Giustizia per violazione della Carta dei diritti fondamentali dell'UE è un passo forte che servirà solo se ci sarà una forte consenso della società civile europea. Da quali forze partire per creare un fronte di indignazione verso un comportamento vergognoso dei governi nazionali ?
 

Le organizzazioni per gli immigrati e più in generale della società civile devono preparare con urgenza una procedura che conduca il Consiglio davanti alla Corte di Giustizia se necessario attraverso le Corti e i Tribunali nazionali. Non è difficile fare l'elenco degli articoli violati del Trattato e della Carta a cominciare dalla cooperazione leale e dal contenuto di un ricorso in carenza. Ma la società civile deve chiedere al PE e alla Commissione di intervenire ad adiuvandum. Chiediamo l'aiuto e la consulenza di MEDEL la rete dei magistrati democratici in Europa e alle reti dei giudici di pace.

Segue il testo della:

DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE DEL CIME

Molte e autorevoli voci si sono levate in questi mesi in Europa e nel mondo per chiedere ai 28 Governi degli stati membri dell'Unione europea di rispettare i trattati a partire dai valori e dai principi che essi hanno sottoscritto e che i loro popoli hanno ratificato.

A queste voci si era unito anche il Cime con la sua dichiarazione del 7 settembre.

Il Consiglio dei ministri degli interni si è chiuso ieri nel modo peggiore presentando alle opinioni pubbliche una immagine pietosa di fronte alla quale possiamo solo gridare: "vergogna!".

Le proposte pur modeste della Commissione Juncker sono state gettate con disprezzo alle ortiche. Per questa ragione la Commissione europea dovrebbe dimettersi collettivamente davanti al Parlamento europeo riunito in sessione plenaria chiedendo ai rappresentanti dei cittadini europei di rinnovarle la fiducia sulla questione essenziale (e cioè legata alla essenza dell'Unione) del rispetto dei valori della dignità umana e della solidarietà e smentendo solennemente con questo voto il fallimento dei governi.

Poiché il Consiglio ha ripetutamente violato il Trattato e la Carta dei diritti fondamentali, le organizzazioni della società civile dovrebbero ricorrere alla Corte di Giustizia dell’Unione europea per chiedere una condanna urgente del Consiglio dell’Unione europea.

Pier Virgilio Dastoli
Roma, 15 settembre 2015

Autore
Nicola Vallinoto
Bio
Informatico, federalista ed altermondialista. Ha curato con Simone Vannuccini il volume collettivo “Europa 2.0 prospettive ed evoluzioni del sogno europeo” edito da ombre corte nel 2010. Ha ideato e promosso l'International Democracy Watch con Lucio Levi e Giovanni Finizio con i quali ha pubblicato il primo rapporto "The democratization of international organizations. First international democracy report", Routledge, 2014. Ha pubblicato "Le parole di Porto Alegre" ed "Europa anno zero", Frili Editori 2002.
Altri articoli dello stesso autore:

In marcia per l'Europa

marciapereuropa

Firma l'appello!

firma l'appello Senza una politica migratoria umana ed un'Europa federale non c'è futuro

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner iniziativa GFE Don't Touch My Schengen

Petizione All Free Move

 

Europa in onda

Europa in onda