Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Scritta Diritti Umani

Da più di trenta anni, l'ITUC-CSI (Confederazione sindacale internazionale) garantisce un vero e proprio monitoraggio del rispetto dei diritti dei lavoratori nel mondo, raccogliendo dati sulle loro violazioni.
Per il quarto anno successivo - nel 2017 - ha presentato i suoi risultati sotto forma di Indice dei diritti nel mondo, evidenziando che leggi nazionali e prassi si sono deteriorate, migliorando un po' solo nel corso degli ultimi 21 mesi.

Dall' ITUC Global Rights Index 2017 emerge che - nell'economia mondiale in cui il 60% dei Paesi esclude dal diritto del lavoro categorie intere di manodopera - gli interessi delle imprese sono privilegiati a spesa degli interessi dei lavoratori. L’Indice ITUC 2017 dei diritti nel mondo si basa su 97 indicatori internazionalmente riconosciuti per valutare la protezione dei diritti dei lavoratori nella legislazione e prassi in 139 paesi. Sulla loro base, i Paesi sono stati classificati in 5 e più categorie:

1. Violazioni sporadiche dei diritti (12 paesi, fra cui Germania e Uruguay)
2. Violazioni reiterate dei diritti (21 paesi, fra cui Giappone e Africa del sud)
3. Violazioni regolari dei diritti (26 paesi tra cui Cile e Polonia)
4. Violazioni sistematiche dei diritti (34 paesi, fra cui Paraguay e Zambia)
5. I diritti non sono garantiti (35 paesi, fra cui Egitto e Filippine)
5+ I diritti non sono garantiti per l'assenza dello Stato di diritto (11 paesi fra cui il Burundi, la
Palestina e Siria)

Ed ecco alcune sue conclusioni:

  • 84 pays escludono categorie di lavoratori dalla diritto del lavoro
  • Più di ¾ dei Paesi escludono una parte o la totalità dei lavoratori dal diritto di sciopero
  • Più di ¾ dei Paesi escludono una parte o la totalità dei lavoratori dalla negoziazione collettiva
  • 50 paesi (sui 139 esaminati) escludono o restringono la libertà di espressione e di riunione
  • Il numero di paesi in cui lavoratori sono esposti a violenza fisica e a minacce è aumentato del 10% (da 52 a 59). Tra questi si ritrovano la Colombia, l’Egitto, il Guatemala, l'Indonesia e l'Ucraina
  • sindicalisti sono stati assassinati in 11 paesi, tra cui il Bangladesh, il Brasile, la Colombia, il Guatemala, l'Honduras, la Mauritania, il Messico, il Perù, le Filippine e il Venezuela

Secondo l'Indice 2017, i dieci paesi al livello più basso in materia di rispetto dei diritti dei lavoratori sono Bangladesh, Colombia, Egitto, Guatemala, Kazakhstan, Filippine, Qatar, Corea del Sud, Turchia e Emirati arabi uniti. Per la prima volta figurano nella lista dei 10 paesi peggiori in materia di rispetto dei diritti dei lavoratori Filippine, Corea del sud e Kazakhstan.

Ancora una volta – sottolinea l'ITUC - la regione del Medio-Oriente e dell'Africa del Nord mostrano i risultati peggiori in materia di trattamento dei lavoratori, in particolare il sistema di “Kafala” nei Paesi del Golfo continua ad asservire milioni di persone. La Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo garantisce il diritto del fanciullo ad avere una protezione sostitutiva della famiglia naturale qualora questa venga a mancare, ed elenca le forme, tra cui annovera la kafala, in cui si può concretizzare tale protezione sostitutiva, avendo come preminente elemento di giudizio l'interesse superiore del fanciullo. Nei paesi del Maghreb (Tunisia, Libia, Algeria, Egitto, Marocco) l' istituto della kafala è molto simile all'affido. In Arabia Saudita resta in vigore la negazione assoluta dei diritti fondamentali dei lavoratori. E in paesi quali l'Iraq, la Siria, lo Yemen, guerra e rottura dello Stato di diritto fanno sì che i diritti dei lavoratori non sono più rispettati.
Nello Yemen – devastato dalla guerra - 650 000 lavoratori del settore pubblico non sono più pagati da più di 8 mesi, nel settore privato (ivi incluso nelle attività di multinazionali quali Total G4S DNO) sono stati soppressi 4 milioni di posti di lavoro. L'occupazione della Palestina ha anche la conseguenza di privare dei lavoratori dei loro diritti, e della possibilità di trovare lavori decenti.
Nella Corea del Sud, Han Sang-Gyun, Presidente della Confederazione coreana dei sindacati (KCTU) è in prigione dal 2015 per aver organizzato manifestazioni pubbliche per impedire l'adozione di una legislazione ostile ai lavoratori. In Kazakhstan, dirigenti sindacali sono stati arrestati solo per aver fatto appello allo sciopero. E il clima di violenza che ha proliferato sotto la presidenza di Duterte ha un profondo impatto sui diritti dei lavoratori.

Le condizioni di lavoro – sottolinea l'ITUC – si sono degradate anche in Africa, in cui il Bénin, la Nigeria e lo Zimbabue hanno mostrato i risultati peggiori, anche per casi di lavoratori congedati per aver partecipato a degli scioperi; e in altri paesi quali Argentina, Brasile Equador e Myanmar.

“L'esclusione di lavoratori dalla protezione del diritto del lavoro - ha precisato Sharan Burrow - ha per effetto di creare una manodopera invisibile per cui governi e imprese rifiutano di assumersi le proprie responsabilità, in particolare, per i lavoratori migranti, i lavoratori domestici, e i lavoratori con contratto a durata determinata. In troppi paesi, gli interessi degli affari agiscono contro i diritti fondamentali democratici. Basta guardare le cifre che emergono dall' ITUC Global Rights Index 2017 per rendersi conto del fatto che la disuguaglianza economica ha raggiunto il suo più alto livello della storia moderna. I lavoratori sono privati dei diritti fondamentali che dovrebbero permettere loro di organizzarsi e negoziare collettivamente per una parte equa. A parte le restrizioni crescenti della libertà di espressione, questo ha per effetto una crescita del populismo e minacce per la stessa democrazia”.

Autore
Silvana Paruolo
Author: Silvana ParuoloWebsite: https:/appuntamentieuropei.wordpress.com
Bio
L'autore - Silvana Paruolo – dopo 8 anni a Parigi, di cui circa due in veste di Funzionario Internazionale all'Assemblea parlamentare dell'Unione dell'EuropaOccidentale (UEO) – vive a Roma e lavora,tuttora, presso l'Area politiche europee e internazionali della Cgil nazionale. Come autrice, ha scritto due libri : 2020: la nuova Unione europea L'Ue tra allargamento e vicinato, crisi, verticite, vecchie e nuove strategie Ed. LULU 2010 e Introduzione all'Unione europea Oltre la sfida del 2014 Ed. Il mio libro - Feltrinelli 2014. Nel 1989, ha scritto Mercato Unico e integrazione europea, ricerca pubblicata - come Dossier Europa Parte (Prima - e Parte seconda) - dalle Edizioni Ediesse (1989) per conto della CGIL. Ha anche scritto capitoli in libri con più autori quali - ad esempio - ”Ma …la legge e i diritti (quale legge e quali diritti?) sono uguali per tutti? (Gli strumenti di soft-law – Le Linee guida dello “Strategic framework on human rights” UE e il suo Piano di azione” in La famiglia omogenitoriale in Europa – Diritti di cittadinanza e libera circolazione – volume a cura di G. Toniollo e A. Schulster, ed. Ediesse (maggio 2015). Come giornalista pubblicista, ha collaborato, e collabora, con più testate: Affari sociali internazionali, L'Italia e l'Europa, Finanza Italiana, Comuni d'Europa, quaderni di Rassegna Sindacale, Tempo Libero, Il Giornale dei Comuni, ecc. Ha svolto (svolge) docenze sporadiche - in Italia - in corsi per giornalisti e in corsi della Scuola superiore degli interni; e - a Parigi - all'Ecole nationale d'Admnistration (ENA). Appena rientrata da Parigi, ha svolto consulenze - ricerche – e lavori di coordinamento per Enea, Ecoter e Eni. Attiva su Facebook e Twitter ha questo blog: https:/appuntamentieuropei.wordpress.com
Altri articoli dello stesso autore:

Firma l'appello!

firma l'appello Senza una politica migratoria umana ed un'Europa federale non c'è futuro

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner iniziativa GFE Don't Touch My Schengen

Petizione All Free Move

 

Europa in onda

Europa in onda