Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Orban al Parlamento europeo © European Union 2013 - European Parliament" (Attribution-NonCommercial-NoDerivs Creative Commons license

Le persone «arrivate illegalmente dovrebbero essere rastrellate e deportate», ha detto il premier ungherese Viktor Orbán.

Si possono dire tante cose quando si vive in un consesso dove la democrazia è qualcosa di acquisito ma non assolutamente garantito quando si toccano le sorti di vite umane.

Da quel muro eretto alla frontiera meridionale nel 2015 l’escalation avviata dall’Ungheria è una vera e propria dimostrazione di forza che si è concretizzata oggi con l’opposizione al principio del ricollocamento obbligatorio per i Paesi UE da parte dei Paesi dell'Est, che vogliono una «solidarietà flessibile». Orbán ha annunciato che il 2 ottobre si terrà un referendum sul principio del ricollocamento. 

 

Dove dovrebbero essere ricollocati gli immigrati illegali? Lui la risposta ce l’ha pronta: «in una isola o sulla costa del Nord Africa!»; l’Unione Europea  - sempre secondo questo luminare della scienza politica – dovrebbe garantire «la sicurezza e i rifornimenti della località». Tutto ciò per evitare che gli stessi immigrati possano presentare domanda di asilo nel Paese di arrivo.

Ma di quali numeri stiamo parlando? 4.140 persone sono state ricollocate dalla Grecia e 1.156 dall'Italia, ben poca cosa se si pensa che il totale previsto nel 2015-2017 è di 160.000.

Orbán ha iniziato la sua avventura politica con l’Alleanza dei Giovani Democratici (Fidesz), puntando all’anticomunismo tanto necessario quanto opportuno per svincolarsi definitivamente dalla oppressione, non solo ideologica, del blocco sovietico, per un Paese sempre al limite delle invasioni e forzatamente preda. Ma il top lo raggiunge quanto diventa punta di riferimento dell’attacco dell’Unione Civica Ungherese nella metà degli anni ‘90, che, a dispetto del suo brillante intellettualismo di oggi, propugnava una evoluzione in senso liberale e progressista per il Paese e soprattutto lo vedeva impegnato nella battaglia per i diritti civili. E già! E’ al timone dell’Ungheria dal 2010, ma prima ancora ne è stato premier di primo governo durante la fine del decennio degli anni ’90 traghettando il Paese nella Nato. “Repubblica di Ungheria” gli stava stretto e ha mutato (insieme a tante parti della Costituzione) il nome in “Ungheria” quasi il termine potesse infastidire le ambizioni nobiliari del premier. Da qui la svolta definitiva e conservatrice definitiva, appunto, col secondo governo.  Comincia a scagliarsi contro «i poteri forti e le multinazionali che vogliono comandare in casa d’altri»; diventa  promotore assoluto del Dio, Patria, famiglia in vinetas kenyer, in salsa ungherese, dove al Dio manca la “D”, alla Patria preferisce la nazione, alla famiglia l’interesse personale…

Ha formato con il capo polacco Jaroslaw Kaczynski una banda di «ladri di cavalli», come è stata definita (1), una quindicina di giorni fa a Krynica, nel sud della Polonia, dove per la prima volta si sono presentati al grande pubblico, non solo europeo.

Altiero Spinelli nel saggio “Gli Stati Uniti d’Europa e le varie tendenze politiche” inserito nel volume “Problemi della federazione europea” (edizione del 1944), che contiene anche il testo del Manifesto di Ventotene, scrisse: “L’assurda anarchia dell’organizzazione internazionale europea è il terreno più propizio che sia possibile immaginare per l’esplicazione piena del razzismo”. Già perché al di là del populismo estremista anche volendo politicamente corretto c’è una base che è ancor più grave e imponente, lo sfondo razziale di tutte le mosse politiche messe in campo anche da personaggi che oggi governano alcuni Paesi dell’UE. “A pensar male si fa peccato, ma a volte ci si azzecca!”. Lo storico “adagio” andreottiano torna utile per questo soggetto della sceneggiata ungherese. Che voglia davvero utilizzare lo strumento del razzismo per estorcere utilità nazionaliste, egoistiche, alla nostra Unione?

(1) «Se ti fidi di qualcuno, diciamo in Ungheria, allora puoi andare con lui a rubare cavalli. E noi ungheresi andiamo con piacere a rubare cavalli assieme ai polacchi», ha spiegato Orban. E Kaczynski ha replicato: «Ci sono alcune stalle nelle quali possiamo rubare cavalli assieme agli ungheresi, una di queste, particolarmente grande, si chiama Unione europea».
Autore
Mario Leone
Author: Mario Leone
Bio
Mario Leone, laureato in Giurisprudenza presso l’Università de la Sapienza di Roma, con una tesi in Scienza delle finanze dal titolo Unione monetaria europea e sistema federale, ha conseguito un master in “Giurista di impresa” presso l’Università di Roma Tre e un master in “Diritto tributario professionale” presso l’Università di Roma Tor Vergata. Attualmente è funzionario-esperto della Direzione centrale servizi ai contribuenti dell’Agenzia delle Entrate. E’ entrato nella formazione giovanile del Movimento federalista europeo (MFE) nel 1991 e nel Comitato centrale del Movimento nel 1995, di cui è attualmente membro. E' segretario del centro regionale del Lazio del MFE e presidente della sezione di Latina "Altiero Spinelli" del MFE. Ha realizzato con l’Associazione europea degli insegnanti (AEDE), l’AICCRE (Associazione italiana del consiglio dei comuni delle regioni d'Europa) e la Provincia di Latina, programmi di formazione sulle tematiche europee, è relatore sulla storia e il processo di integrazione europea in programmi di formazione scolastica. L’AEDE provinciale di Latina nel 2010 gli ha attribuito l’annuale Premio Europa per l’impegno profuso per la diffusione dell’ideale europeista. Ha collaborato con la rivista “Il Dibattito federalista” edito dalla Edif e con “Il Settimanale di Latina” sulle tematiche europee.
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

I blog federalisti (FederalHub)

La rete federalista in Italia (FederalHub)

La rete federalista in Europa (FederalHub)

La rete federalista nel mondo (FederalHub)

Eventi

Reddito di base. Una proposta concreta per il XXI secolo.

Meeting del Basic Income Network – Italia

Venerdì 10 novembre – Roma - link al programma

MobilitAzioni

 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner appello per un'Europa federale

 

Europa in onda

Europa in onda

Le riviste federaliste (FederalHub)

Trasmissioni radio TV federaliste (FederalHub)